A Viterbo la TARI meno cara del Lazio

A Viterbo la TARI meno cara del Lazio

Ce lo dice un'indagine del Sole24Ore, che colloca Viterbo a città più economica del Lazio in fatto di Tari. All'ultimo posto in regione c'è Roma, unico capoluogo dove la tassa è aumentata invece di diminuire.

ADimensione Font+- Stampa

Una famiglia composta da tre persone, in una casa di circa cento metro quadrati, paga sui 220 euro di Tari. Ce lo dice un’inchiesta del Sole24Ore, che ha preso come riferimento una famiglia di questo tipo in tutta Italia. Il risultato è che a fronte di una media nazionale che ha visto in un anno la Tari aumentare tra l’1,5 e il 2 per cento, a Viterbo la tassa dal 2014 al 2015 ha avuto un calo pari al 2,8%.

Al capoluogo viene quindi consegnata la palma di Tari meno cara di tutto il Lazio. Latina, d’altro canto, ha avuto un calo più sensibile pari al -4,7%, ma la somma pagata dalla stessa famiglia si aggira sui 309 euro. Rimane invariata Rieti, in cui si pagano 329 euro. A Frosinone, invece, la flessione è del 4,5% con una tassa di 360 euro. A Roma si va in controtendenza e la tassa aumenta dell’1,5%, arrivando a 425 euro annui per la suddetta famiglia.

Il primo posto in Italia se lo aggiudica Fermo, che nonostante abbia visto un aumento della tassa pari al 7,9%, paga circa 60 euro l’anno. La peggiore, invece, è Cagliari che ha abbassato la tassa del -6,4%, eppure si continuano a pagare 523 euro. La sorpresa, però, arriva da Matera che riscontra l’aumento più drastico, ben 112% in più rispetto allo scorso anno, con una tassa per la famiglia di tre persone in cento metri quadri di 432 euro.