Tre giorni di rock contro le mafie al Belvedere Falcone e Borsellino di Bagnoregio

Tre giorni di rock contro le mafie al Belvedere Falcone e Borsellino di Bagnoregio

Bigiotti: “Un'iniziativa di grande significato, che mette in gioco la parte più belle dei nostri territori: i giovani”

ADimensione Font+- Stampa

Tre giorni di rock per tutti i gusti a Bagnoregio. Torna, dal 21 al 23 luglio, il ‘Teverina Rock Fest – I giovani e il rock contro le mafie’. Appuntamento in piazza Alberto Ricci, antistante al Belvedere su Civita intitolato a Falcone e Borsellino.

Tanti gruppi tributo e originali con ingresso gratuito, area Food&Drink a partire dalle ore 20 per cenare o ristorarsi durante le lunghe serate live e mercatino delle attività artigianali della zona, aperto anche durante il giorno dalle ore 10. L’evento è organizzato dall’Associazione “Geo Teverina” con il patrocinio del Comune di Bagnoregio e in collaborazione con l’Associazione Corrado Mortera di Vetriolo.

“Un’iniziativa di grande significato, che mette in gioco la parte più belle dei nostri territori: i giovani – così il sindaco Francesco Bigiotti -. Tutti insieme per lanciare un messaggio importante contro le mafie, con la voglia di stare insieme e divertirsi grazie alla musica”.

Venerdì 21 e sabato 22 in apertura delle serate si svolgeranno le semifinali del Contest per gruppi emergenti, con votazione mista tra pubblico e giuria di esperti del settore: i gruppi vincitori si sfideranno quindi nella finale di domenica 23.

L’evento principale di ogni sera sarà l’esibizione di gruppi esperti che proporranno grandi successi di importanti band di levatura internazionale: venerdì 21 saranno di scena i Be Animal (tributo ai Pearl Jam) e gli Hellriders (cover hard rock e metal), sabato 22 gli esplosivi Bomber (tributo ai Motorhead), e domenica 23 Svedonio’s Rock (cover rock).

Il parco pubblico del Belvedere, adiacente all’area dove si svolgerà la manifestazione, è dedicato alla memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino che con il loro coraggio, l’alto senso dello Stato e delle Istituzioni, ci hanno lasciato un insegnamento indelebile.

È un dovere ricordarli e fare in modo che le loro vite siano da monito e da esempio per le generazioni future. Poiché pochi giorni prima dell’evento ricorre l’anniversario della scomparsa di Paolo Borsellino (19 luglio 1992) l’evento è legato anche a tale ricorrenza per evidenziare l’importanza della partecipazione dei giovani nella lotta contro qualsiasi tipo di criminalità organizzata. Info: [email protected], tel. 328 66 57 205.