Sicurezza e camini: cosa fare in caso di incendio della canna fumaria

Sicurezza e camini: cosa fare in caso di incendio della canna fumaria

Sicurezza e camini: cosa fare in caso di incendio della canna fumaria. Tuscia terra di agricoltori e di case antiche.

ADimensione Font+- Stampa

Sicurezza e camini: cosa fare in caso di incendio della canna fumaria. Tuscia terra di agricoltori e di case antiche. Case piene di camini, che vanno curati come se fossero dei figli. L’intenso utilizzo del camino durante i mesi invernali può provocare incendi, più o meno gravi. Per evitare questo rischio Gli Spazzacamino di Manlio che operano a Viterbo e nel Centro Italia, ha stilato un ricco vademecum da studiare sia per evitare che il camino si incendi, sia per arrivare preparati all’incauto avvenimento.

Si può bruciare e non si può bruciare

Innanzitutto bisogna capire cosa si può bruciare e cosa no. Per la legna di abete, pino o cipresso, si raccomanda di eliminare la corteggia. Questo tipo di legna è molto frequente perché arriva dalle potature, spesso anche dei vicini di casa che magari non la usano. Il motivo è presto detto: la corteccia di questo tipo di legna quando brucia scoppietta e così c’è il rischio che le scintille portino ad incendi. Questo tipo di albero hanno un legno ricco di resina e dunque, un consiglio in più, nel caso la si utilizzasse con frequenza si consiglia di effettuare più frequentemente la pulizia della canna fumaria.

Quella che sembra essere una banalità, ma che invece non lo è, è che non si deve assolutamente bruciare legni trattati con vernici, ma nemmeno compensato o trucioli. I solventi possono essere infatti velenosi se respirati una volta bruciati. Stesso discorso per la plastica e per i cartoni della pizza da asporto. Questi ultimi non sono velenosi, ma possono gonfiarsi e salire lungo la canna fumaria accesi e possono creare dei seri problemi.

Cosa fare se il camino si incendia

• Se la situazione sembra subito grave, chiamare il 115.
• Non buttare acqua dal tetto all’interno del camino: entrando in contatto con le pareti bollenti della canna fumaria potrebbe creare danni irreparabili al camino;
• Cercare di levare aria al camino chiudendo le prese d’aria che lo alimentano.
• Bagnare con poca acqua la legna presente nel camino. Meglio se con uno spruzzino.
• Un altro sistema utile è quello di cospargere del sale sul fuoco

• Solo se è possibile farlo in piena sicurezza, potete provare a chiudete la bocca del camino un telo di lana completamente bagnato. Lana, non sintetica.
Per prima cosa, una volta spento l’incendio arieggiare la casa e chiamare un tecnico per far visionare la canna fumaria. Potrebbe essersi danneggiata.