Sfilata di ministri leghisti per le comunali di Viterbo, la strategia e l’augurio del Carroccio locale

Sfilata di ministri leghisti per le comunali di Viterbo, la strategia e l’augurio del Carroccio locale

Il bagno di folla per l'arrivo di Matteo Salvini all'inaugurazione della sede della Lega di piazza del Teatro se lo ricordano bene i dirigenti e militanti del partito a Viterbo. E con la campagna elettorale dietro l'angolo l'augurio e la strategia per "pompare" consensi nella lista del Carroccio passa per una vera e propria "sfilata" di ministri leghisti.

ADimensione Font+- Stampa

Il bagno di folla per l’arrivo di Matteo Salvini all’inaugurazione della sede della Lega di piazza del Teatro se lo ricordano bene i dirigenti e militanti del partito a Viterbo. E con la campagna elettorale dietro l’angolo l’augurio e la strategia per “pompare” consensi nella lista del Carroccio passa per una vera e propria “sfilata” di ministri leghisti.

La prospettiva di un governo Lega-Cinque Stelle si sta faticosamente materializzando. Le ultime consultazioni di Di Maio e Salvini con il presidente Mattarella sono servite per chiedere più tempo ma il lavoro procede. Legittimamente i leghisti ci sperano, e i leghisti viterbesi se lo augurano per beneficiarne nella campagna elettorale per il rinnovo del comune capoluogo della Tuscia.

Sono ore di attesa ma la strategia già esiste: “Portare a Viterbo tutti i ministri”. Lo dichiara il senatore Umberto Fusco e il coordinatore comunale Enrico Maria Contardo. 

“Mercoledì mi vedo con Salvini. E’ molto impegnato per le questioni del governo ma di Viterbo abbiamo già parlato e mi ha garantito che verrà. Se a Roma andrà tutto liscio è nostra intenzione portare i futuri ministri leghisti prima del 10 giugno. Con tutti quelli che oggi sono i papabili: Salvini, Centinaio, Giorgetti, Borghi … ho rapporti diretti. Per la Lega la Tuscia è un territorio strategico, verranno”, dichiara Fusco.

Contardo è sulla stessa linea: “La nostra lista è giovane, con volti nuovi per Viterbo. Abbiamo voluto lanciare per primi un segnale di rinnovamento. La presenza di Salvini e degli eventuali ministri, me lo auguro, sarebbe molto preziosa. Ci stiamo lavorando”.