Giorno della Memoria, Arci Viterbo: “Mai più fascismi”

Giorno della Memoria, Arci Viterbo: “Mai più fascismi”

“Mai più fascismi” è lo slogan scelto da Arci e Anpi per questo 27 gennaio 2018, a 70 anni dall’entrata in vigore - il 1 gennaio 1948 - della nostra Costituzione, approvata dall'Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947 e promulgata dal capo provvisorio dello Stato De Nicola il 27 dicembre seguente.

ADimensione Font+- Stampa

“Mai più fascismi” è lo slogan scelto da Arci e Anpi per questo 27 gennaio 2018, a 70 anni dall’entrata in vigore – il 1 gennaio 1948 – della nostra Costituzione, approvata dall’Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947 e promulgata dal capo provvisorio dello Stato De Nicola il 27 dicembre seguente.

“Oggi, di fronte al diffondersi di episodi intimidatori da parte di movimenti e forze che si richiamano al nazifascismo e all’affermarsi di partiti di estrema destra nelle competizioni elettorali di tanti paesi euroepei (ultima l’Austria) – spiega Arci Viterbo – la memoria, il racconto degli orrori che hanno caratterizzato il secolo scorso, la difesa dei valori costituzionali può rappresentare un argine e aiutare alla comprensione di un presente segnato ancora da guerre, violenze e ingiustizie. Solo con questo bagaglio di conoscenza è possibile trovare gli strumenti per progettare un futuro diverso.

In queste settimane saremo impegnati, insieme all’Anpi e a tante altre organizzazioni sociali, nella raccolta di firme su una petizione che chiede alle istituzioni democratiche di vigilare perché non abbiano spazio e agibilità politica formazioni che si richiamano apertamente al fascismo e al nazismo. Lo faremo usando i diversi linguaggi della cultura e con un’attenzione particolare al mondo giovanile perché se ricordare è un dovere di tutti, trasmettere la memoria a ragazze e ragazzi ha, se possibile, un valore ancora maggiore, indispensabile per formare alla cittadinanza attiva e consapevole”.