Erbetti replica a La Fune: “Per noi la politica è volontariato civile”

Erbetti replica a La Fune: “Per noi la politica è volontariato civile”

Dopo l'editoriale del nostro direttore Massimo Erbetti, candidato sindaco M5S Viterbo, scrive la sua replica. La pubblichiamo integralmente.

ADimensione Font+- Stampa

Dopo l’editoriale del nostro direttore Massimo Erbetti, candidato sindaco M5S Viterbo, scrive la sua replica. La pubblichiamo integralmente.

 

“Leggo le aspre critiche fatte a me e al M5S Viterbo per la proposta del taglio a zero dei gettoni di presenza ai consiglieri comunali, è una cosa giusta? È giusto fare politica senza guadagnarci nulla? Forse molti pensano che fare politica è un modo per avere uno stipendio, per farsi una piccola rendita, per noi del Movimento, fare politica è passione, è volontariato, è prestare la propria opera al fine di migliorare il luogo in cui viviamo, dovremmo essere tutti consapevoli del fatto che ogni marciapiede, ogni pianta, ogni aiuola, ogni strada, ogni Parco è nostro, sono beni comuni, perché a casa nostra imbianchiamo i muri, spazziamo in terra, puliamo, mettiamo fiori alle finestre?

Perché la sentiamo realmente nostra, perché vogliamo vivere in un posto curato ed accogliente, molti purtroppo hanno dimenticato che fuori la porta della nostra casa c’è un mondo e che quel mondo è nostro, nostro come la nostra casa, per noi del Movimento fare politica è questo, fare politica è prendersi cura dei beni comuni, ognuno mette a disposizione il proprio tempo per migliorare i luoghi in cui vive. Chi critica il taglio ai gettoni, perché non ha mai sollevato lo stesso problema per chi fa volontariato sociale? Il volontariato, il mettere a disposizione il proprio
tempo per aiutare gli altri è la più nobile fra le attività umane, ed è proprio con questo spirito che noi affrontiamo la politica.

Mi piacerebbe sapere perché poi queste critiche non vengono invece rivolte a chi spende 50/60 mila euro per farsi pubblicità e arrivare alla carica di sindaco, perché non ci scandalizziamo di fronte a questi ingenti investimenti? Perché non ci domandiamo cosa spinge queste persone a investire così tanto per la politica? Quale ritorno avranno da tali investimenti?

Nei giorni scorsi ho lanciato due sfide agli avversari politici: pubblicare le proprie entrate/uscite e di candidarsi con una lista, un candidato sindaco e un programma, sono cadute nel vuoto, nessuno ha il coraggio di presentarsi ai propri elettori con trasparenza. 

Beh noi siamo diversi, per noi la politica è volontariato civile, per gli altri a pensar male sembrerebbe quasi un investimento per assicurarsi un futuro, siamo certi che non sia così e li invitiamo a spiegare ai propri elettori il motivo di queste “folli” spese. Decidete voi a chi affidare il futuro di questa città”.