De Simone: “Il 10 giugno possiamo voltare pagina e costruire una Viterbo migliore”

De Simone: “Il 10 giugno possiamo voltare pagina e costruire una Viterbo migliore”

“Mettere il mio impegno al servizio di Viterbo, per costruire con tutta la squadra del centrodestra e il sindaco Giovanni Arena un futuro migliore”. Andrea De Simone è candidato con la lista di Fratelli d'Italia alle elezioni comunali di domenica 10 giugno.

ADimensione Font+- Stampa

“Mettere il mio impegno al servizio di Viterbo, per costruire con tutta la squadra del centrodestra e il sindaco Giovanni Arena un futuro migliore”. Andrea De Simone è candidato con la lista di Fratelli d’Italia alle elezioni comunali di domenica 10 giugno.

Il suo obiettivo è quello di mettere al centro dell’azione politica locale una visione di città. “Avere in mente un percorso da compiere ti permette di fare la differenza – le parole di De Simone -. E’ mia intenzione lavorare seriamente, passo dopo passo, per risolvere le criticità imminenti. Viterbo deve tornare a essere un luogo dignitoso, curato e accogliente. Più pulizia, decoro urbano, capacità di raccontare il centro storico ai turisti. Un voto per De Simone è un impegno che va in questa direzione.

Poi c’è il tema del lavoro. Centrale in quella che sarà la nostra azione amministrativa. Riqualificare la parte storica della città significa determinare le condizioni per essere attrattivi e accoglienti, attraverso azioni di comunicazione mirate sarà possibile determinare una crescita dei flussi turistici e costruire mercato potenziale per artigiani e commercianti”.

De Simone, come direttore di Confartigianato, conosce bene le difficoltà delle piccole e medie imprese e si impegnerà a individuare misure e azioni capaci di incentivare la nascita di nuovi posti di lavoro e il miglioramento dei profitti delle realtà esistenti. Al tempo stesso guarda con interesse al mondo delle startup e alla frontiera dell’artigianato digitale, convinto che questo tipo di professionalità rappresenti il futuro e vada incentivato.

Lavoro ma anche qualità della vita, che passa inevitabilmente per l’altro grande tema della sicurezza. “Una città dove si sta bene deve essere sicura. Le persone devono sentirsi libere di viverla, a qualsiasi ora e in ogni luogo – precisa De Simone -. Negli ultimi tempi si sono verificati diversi problemi e aree della città sono finite nel degrado. Serve aumentare i controlli ma anche gestire in maniera intelligente la partita della sorveglianza, attraverso l’installazione di telecamere nei quartieri dove la situazione è più critica. Come Fratelli d’Italia siamo da sempre attenti alla
sicurezza dei cittadini e intendiamo affrontare con serietà la questione dall’interno di Palazzo dei Priori”.

“Ho deciso di candidarmi perché ritengo che possa essere scritto un futuro migliore per Viterbo – conclude De Simone -. Ai viterbesi chiedo di crederci, di accordarmi la propria fiducia, di sbarrare il simbolo di Fratelli d’Italia e scrivere il mio nome sulla scheda elettorale. Insieme possiamo voltare pagina e costruire una città migliore”.