Crollo delle nascite nel Lazio: -7% nel 2017, peggior Regione in Italia.

Crollo delle nascite nel Lazio: -7% nel 2017, peggior Regione in Italia.

È la peggior Regione in Italia. I dati Istat parlano chiaro nella nostra Regione non si nasce più, anche se il saldo della popolazione finale è leggermente in aumento (+0,4‰) come in solo in Emilia Romagna e Lombardia.

ADimensione Font+- Stampa

Crollo delle nascite nel Lazio: -7% nel 2017, peggior Regione in Italia. I dati Istat parlano chiaro nella nostra Regione non si nasce più, anche se il saldo della popolazione finale è leggermente in aumento (+0,4‰) come in solo in Emilia Romagna e Lombardia. 

A compensare il drastico calo delle nascite nel 2017 rispetto al 2016, che collocano il Lazio in fondo alla classifica sono i saldi migratori esteri e interni che portano la popolazione finale a crescere. Il saldo naturale infatti vede un crollo del -14,2%.

Ma la riduzione delle nascite rispetto al 2016 interessa gran parte del territorio. Le punte del 7,0% nel Lazio e del -5,3% nelle Marche sono solo i dati peggiori, perché soalemnte in quattro regioni si registrano incrementi: Molise (+3,8%), Basilicata (+3,6%), Sicilia (+0,6%) e Piemonte (+0,3%).

In generale in tutto il Paese il saldo della popolazione è negativo con un calo di circa 100.000 persone.

Dati che faranno discutere e che saranno al centro della Campagna elettorale dei candidati per la Regione Lazio.