Comunali Viterbo – Tutto congelato fino al 4 marzo. In piedi l’asse del Richiastro e il Michelini bis

Comunali Viterbo – Tutto congelato fino al 4 marzo. In piedi l’asse del Richiastro e il Michelini bis

La cena del Richiastro? Non è andata di traverso, nonostante quello che magari qualcuno ha avuto interesse a far circolare. Michelini? Veleggia verso il bis, salvo il suo posto non serva a qualche big o fedelissimo di un big per continuare a esistere politicamente dopo il 4 marzo.

ADimensione Font+- Stampa

La cena del Richiastro? Non è andata di traverso, nonostante quello che magari qualcuno ha avuto interesse a far circolare. Michelini? Veleggia verso il bis, salvo il suo posto non serva a qualche big o fedelissimo di un big per continuare a esistere politicamente dopo il 4 marzo.

Il 4 marzo, data cruciale per tanti destini. Così i ragionamenti sul Comune di Viterbo sono stati congelati. Inutile arrovellarsi, bisogna attendere. Tutto è ancora in piedi. E veramente sullo scacchiere politico cittadino ci sono strateghi che valutano ogni tipo di mossa. Anche quella “assurda”, per logiche di schieramento, di una Forza Italia a sostegno di un Michelini bis. Assurda ma fino a un certo punto perché potrebbe trovarsi a ricalcare lo schema del prossimo Parlamento. Che poi, per una parte di tragitto, è stato lo schema anche di questa legislatura appena archiviata con lo scioglimento delle Camere da parte del Presidente Sergio Mattarella. 

Quindi inutile parlare, incontrarsi, litigare. E il fronte del Richiastro si è sciolto come neve al sole? No. E’ lì, nelle telefonate che continuano a correre in silenzio tra i protagonisti. Alleanza indigesta a pezzi della destra? Sì, certo. Ma la domanda dall’altra parte è: quanti voti hanno questi pezzi? E anche in questo caso il 4 marzo è pronto a venire in soccorso. Una grande pesata che permetterà di avere un quadro delle forze più chiaro, anche se occorrerà naturalmente fare le tare. Perché sul voto nazionale entrano in scena fattori di trascinamento ideologico diversi dalle amministrative. 

Non rimane che attendere. Con la consapevolezza che i giochi sono tanti e molti destinati a infrangersi sugli scogli del 4 marzo.