‘Be Buddies, not Bullies’, a Bagnoregio un innovativo progetto di prevenzione al bullismo

‘Be Buddies, not Bullies’, a Bagnoregio un innovativo progetto di prevenzione al bullismo

L’attivazione di uno sportello di consulenza psicologica all’interno della scuola e in orario scolastico permette un’occasione di supporto a gestire dinamiche di bullismo e di cui possono usufruire i docenti, il personale ATA e soprattutto gli allievi della scuola aderente al progetto.

ADimensione Font+- Stampa

Presentato mercoledì 14 febbraio il progetto ‘Be Buddies, not Bullies’, proposto dall’amministrazione comunale di Bagnoregio e da realizzare presso la scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Fratelli Agosti della stessa cittadina. Un progetto che ha l’importante obiettivo di ridurre il bullismo nelle scuole.

Il progetto è coordinato e condotto dagli psicologi Daniele Zinghinì e Cristina Pomi, dall’istruttore FIKM Carlo Mancini, dall’esperta in comunicazione e video-maker Silvia D’Orazi.

Le attività proposte possono inquadrarsi come prevenzione e primo intervento dei fenomeni del bullismo e del cyber-bullismo. Gli incontri di sensibilizzazione e informazione in tutte le classi, ai docenti, personale ATA e genitori, il corso di auto difesa e la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione anti-bullismo, realizzata con la partecipazione attiva degli studenti della scuola, si configurano come processo di prevenzione e promozione del benessere a scuola.

L’attivazione di uno sportello di consulenza psicologica all’interno della scuola e in orario scolastico permette un’occasione di supporto a gestire dinamiche di bullismo e di cui possono usufruire i docenti, il personale ATA e soprattutto gli allievi della scuola aderente al progetto.

Decarta racconta la Tuscia