Macchina, Di Prospero replica a Michelini: “Piena fiducia nelle istituzioni. Tutto si risolverà”

Macchina, Di Prospero replica a Michelini: “Piena fiducia nelle istituzioni. Tutto si risolverà”

Alle parole del sindaco Leonardo Michelini replica con un secco: "Massima fiducia nelle istituzioni"; Gianluca Di Prospero. Ora spetta al dirigente Stefano Menghini chiarire ogni perplessità. Ha a disposizione 30 giorni di tempo, ma tutti si augurano faccia presto.

ADimensione Font+- Stampa

“Piena fiducia nelle istituzioni, sono sicuro che tutto andrà per il meglio”, così Gianluca Di Prospero replica alle recenti dichiarazioni del sindaco Michelini sulla vicenda della richiesta di riesame sull’assegnazione della nuova Macchina di Santa Rosa (leggi).

In modo particolare il sindaco si era espresso sull’eventualità di un ricorso alla giustizia amministrativa: “Un ricorso al Tar rischia di bloccare la Macchina di Expo, chi fa questa mossa dovrebbe sperare di avere ragione altrimenti si pagano i danni”.

L’antefatto sta nella richiesta di autotutela che Di Prospero (leggi), arrivato secondo al bando d’idee con la sua ‘Rosa nel cuore’, ha presentato giovedì mattina negli uffici comunali di via Garbini. Richiesta indirizzata al dirigente del settore Cultura e presidente della commissione che ha assegnato la vittoria a ‘Gloria’ di Raffaele Ascenzi. Per il secondo classificato il vizio formale, rispetto a quanto disposto dal bando, starebbe nel fatto che il motto di Ascenzi: “Gloria”; coincide con il nome scelto per la Macchina. A detta di Di Prospero una cosa che non si poteva fare.

Da qui la scelta di presentare richiesta di riesame di quanto deciso, alla luce di questa perplessità sollevata, la richiesta di accesso agli atti e l’annuncio di un possibile ricorso al Tar.