È morto Mario Perelli, l’ultimo Partigiano della Tuscia

È morto Mario Perelli, l’ultimo Partigiano della Tuscia

È morto Mario Perelli, l’ultimo Partigiano della Tuscia. L’Anpi di Viterbo rende nota la scomparsa avvenuta nei giorni scorsi presso la clinica Salus di Viterbo.

ADimensione Font+- Stampa

È morto Mario Perelli, l’ultimo Partigiano della Tuscia. L’Anpi di Viterbo rende nota la scomparsa avvenuta nei giorni scorsi presso la clinica Salus di Viterbo. Nato a Marta il 29 ottobre 1921, nel ’42 era stato chiamato alle armi per la seconda Guerra Mondiale. L’8 Settembre 1943, dopo i giorni del caos, non volendo collaborare con l’invasore nazista, entrò nella Resistenza, con la Banda partigiana Marta, attiva attorno al lago di Bolsena, in collegamento con la Banda Arancio – Montauto e quindi con il Raggruppamento Monte Soratte, che coordinava l’attività partigiana del Cln nell’Alto Lazio.

Finita la guerra tornò a fare l’agricoltore. Per la sua attività partigiana, ha ricevuto il Certificato di patriota dal Generale Harold Alexander e il Diploma d’onore di Combattente per la libertà d’Italia, durante la Presidenza della Repubblica di Cossiga. Il Comitato provinciale Anpi esprime le condoglianze ai figli Angelo ed Enrico. I funerali si sono svolti sabato scorso a Marta.

In foto Mario Perelli, sulla sinistra, con il moschettino in spalla.

Banner
Banner
Banner