Viva Viterbo verso il game over in maggioranza? Serra è inviperito e vuole la testa di Rossi e Barelli

Viva Viterbo verso il game over in maggioranza? Serra è inviperito e vuole la testa di Rossi e Barelli

La miccia che farà scattare il rimpasto sembra essersi accesa. La domanda che è possibile porre, alla luce dei fatti di ieri e delle dichiarazioni rilasciate dal capogruppo Pd Francesco Serra è: Viva Viterbo mangerà il panettone tra i banchi della maggioranza?

ADimensione Font+- Stampa

rossiViva Viterbo è arrivata al game over della sua esperienza in maggioranza? Le prossime ore saranno decisive. Di certo il Partito Democratico, dopo i fatti di ieri sembra avere tutte le intenzioni di mandare in tilt il flipper. Chiudere questa prima fase, burrascosa, dell’era Michelini per aprirne un’altra sembra essere intenzione piuttosto condivisa tra i democrat.

Abbiamo provato a strappare qualche commento di bocca all’assessore Pd Alvaro Ricci, dopo il tweet “dello scandalo” comparso sulla bacheca di Alessandro Pepponi, vicepresidente di Viva Viterbo. “No comment”, la sua risposta. “Preferisco non entrare nella vicenda specifica, lo farà il capogruppo del mio partito”. 

E dal capogruppo Francesco Serra arrivano parole di fuoco: “Vogliamo chiudere questa esperienza di alleanza con Viva Viterbo. Conto nel weekend di incontrare i consiglieri, maturare una decisione che reputo scontata e portarla al sindaco. L’ultima parola spetta a lui, ma non si può continuare a fare finta di niente. Personalmente ritengo che sarebbe il caso di ritirare le deleghe di Barelli e anche l’esperienza di Rossi alla presidenza del consiglio la reputo al capolinea. Sta lì con i voti della maggioranza, e non sarebbe il primo presidente a essere sfiduciato da chi lo ha votato”.

Da dentro al partito civico di Filippo Rossi si cerca di correre ai ripari. Nella serata di ieri la nota di Andrea Moretti, presidente di Viva Viterbo, si è data l’obiettivo di far passare per fatto privato quanto scritto da Pepponi su Ricci. Ma la frattura scomposta non è figlia di un tweet, ha un cammino che viene da lontano.

Nella memoria d’elefante dei democrat si va a sommare al resto: quanto dichiarato da Rossi su Ricci dalle pagine de Il Messaggero nelle scorse settimane, lo screzio in consiglio tra Barelli e Rossi, ma anche la posizione presa da Viva Viterbo sull’ingarbugliata vicenda con i facchini di Santa Rosa. Un logoramento di rapporti fatto di diversi strappi.

A Michelini l’ultima parola.