Viterbo che fu \ ‘l primo decèmbre adè Sant’Anzano, ‘l due Santa Bibbiàna, ‘l quattro…

Viterbo che fu \ ‘l primo decèmbre adè Sant’Anzano, ‘l due Santa Bibbiàna, ‘l quattro…

Con questa filastrocca viterbese vengono passate in rassegna le maggiori festività del mese di dicembre. Nel nuovo calendario liturgico alcuni santi però non sono più ricordati nei giorni indicati dalla filastrocca ma le loro ricorrenze sono state soppresse o spostate in altra data

ADimensione Font+- Stampa

‘L primo decèmbre adè Sant’Anzano, ‘l due Santa Bibbiàna, ‘l quattro Santa Bàrbera beata, ‘l sèe Sannicòla chi và pe’ la via, ‘l sette Sant’Ambròcio, l’otto la Cuncizzione de Maria, ‘l nove San Chéto chéto, ‘l dièce la Madonna de Lureto, ‘l dodece adè mejo ch’addeggiunàmo chi ‘l trédece adè Santa Lucia, ‘l vintuno San Tomàsso strilla e ‘l vintiquattro se magna l’anguilla (‘l vintuno San Tomasso canta, ‘l vinticinque la Nascita Santa), ‘l vintotto so’ ll’Innucintìne e so’ fenìte le feste e le quatrine e a la fine lesto lesto si ni vène San Silvestro.

Con questa filastrocca viterbese vengono passate in rassegna le maggiori festività del mese di dicembre. Nel nuovo calendario liturgico alcuni santi però non sono più ricordati nei giorni indicati dalla filastrocca ma le loro ricorrenze sono state soppresse o spostate in altra data. Tra i viterbesi più vecchi rimane il ricordo di un banditore che la sera del 9 dicembre, passando per le vie della città, avvertiva i viterbesi di prepararsi perché durante la notte ci sarebbe stato il “passaggio” della Casa della Madonna di Loreto trasportata dagli Angeli da Nazareth alla collina di Loreto e che il giorno dopo sarebbe stata festeggiata questa solennità. Per attirare l’attenzione camminava lentamente agitando una tavola sulla quale erano attaccate delle campanelle che suonavano a ritmo; per la sua andatura venne soprannominato “chéto chéto” da cui probabilmente “San Chéto Chéto”.

La rubrica è curata da Gianluca Braconcini