Un anno in 30 fatti: il 2014 secondo La Fune. Parte seconda

Un anno in 30 fatti: il 2014 secondo La Fune. Parte seconda

Un anno in 30 notizie. Ecco cosa è successo a Viterbo negli ultimi 6 mesi.

ADimensione Font+- Stampa

Un anno in 30 notizie. Ecco cosa è successo a Viterbo negli ultimi 6 mesi. Per i primi 6, da gennaio a giugno, clicca qui.

 

Senato - Commissione Bilancio - Legge di Stabilità

 

Luglio\1

Viene annunciata la sorpresa per festeggiare il Trasporto della Macchina di Santa Rosa patrimonio dell’umanità, ovvero l’arrivo di Fiore del Cielo a piazza della Repubblica.

 

Luglio\2

Inizia la discussione sul bilancio di previsione 2014 e si inizia a parlare insistentemente della vendita della farmacia comunale di La Quercia. L’opposizione, esclusi Movimento 5 Stelle e Viterbo2020, fa ostruzionismo e presenta più di 15.000 emendamenti per farsi ascoltare.

 

 

Agosto\1

Stefano Bonori viene eletto nuovo presidente della Talete insieme a un nuovo Cda.

 

Agosto\2

Il 6 agosto viene approvato il bilancio di previsione del Comune di Viterbo.

 

 

Settembre\1

Il trasporto della Macchina di Santa Rosa raggiunge piazza della Repubblica dopo il secondo passaggio nella storia su via Marconi.

 

Settembre\2

Viene annunciato il bando, che ancora non è uscito, per il rilancio e la gestione delle ex Terme Inps.

 

Settembre\3

Inizia una grande edizione di Quartieri dell’Arte, il festival di drammaturgia contemporanea che quest’anno, più degli altri, ha portato a Viterbo l’attenzione di molti media nazionali imponendosi come uno dei più importanti festival cittadini.

 

s rosa2_2-2

 

Ottobre\1

Nasce il Comitato San Faustino che in inserisce nel dibattito cittadini sul ruolo degli immigrati a Viterbo. “Prima gli italiani” è lo slogan della lista civica di Chiara Frontini e di alcune forze di centrodestra, che poi battibeccano tra di loro, sulla primogenitura della battaglia.

 

Ottobre\2

Si apre una frattura enorme tra il Sodalizio dei Facchini di santa Rosa e il comune di Viterbo, a causa del mancato inserimento del Sodalizio all’interno della commissione che deciderà la nuova Macchina di santa Rosa.

 

Ottobre\3

Domenico Merlani è eletto nuovo presidente della Camera di Commercio di Viterbo.

 

Ottobre\4

Tra polvere e allestimento che lascia a desiderare, riapre il Museo Civico, vanto di Viva Viterbo.

 

Ottobre\5

Si registra la prima coppia di fatto nel Registro comunale.

 

 

Novembre\1

Scoppia l’ennesima lite di maggioranza. Un tweet dell’allora vicepresidente di Viva Viterbo Alessandro Pepponi contro Alvaro Ricci innesca una lite furibonda con il Partito Democratico che interviene per chiedere la cacciata dell’alleato dalla maggioranza. Pepponi si dimetterà, Ricci verrà rimosso e il Pd ne uscirà sconfitto. Sul piede di guerra anche Oltre Le Mura e Nuovo Centrodestra. Si apre così la crisi in casa Michelini.

 

Novembre\2

È il mese delle Leghe, i movimenti ispirati alla Lega Nord di Matteo Salvini. Dopo Lega Federalista, già esistente da anni, si impongono nel dibattito Unione della Tuscia e Patriae.

 

Novembre\3

Maurizio Tofani e Francesco Moltoni vengono messi alla porta dalla maggioranza del comune di Viterbo con una decisione legata al bilancio del comune di Viterbo e alla vicenda Cev. Strategia politica o reali necessità di bilancio?

 

Novembre\4

L’emergenza rifiuti a Viterbo non trova una soluzione e l’assessore Raffaella Saraconi annuncia la possibilità di rescindere il contratto con Viterbo Ambiente, ma non farà in tempo a causa dell’imminente rimpasto che le toglierà la competenza.

 

 

Dicembre\1

Ecco il nuovo rimpasto che rimescola le carte all’interno della Giunta Michelini. Questa volta a cambiarsi le deleghe sono Alvaro Ricci e Raffaella Saraconi. Al primo vanno i Lavori Pubblici, alla seconda, che perde anche l’ambiente, va l’urbanistica. L’ambiente finisce in mano a un nuovo assessore: Andrea Vannini.

 

Dicembre\2

L’anno del Consiglio comunale finisce in bagarre. Il consigliere di Fondazione Gianmaria Santucci presenta 1200 emendamenti, poi dichiarati inammissibili, alla variazione di bilancio proposta dalla giunta per realizzare il Natale viterbese e annuncia poi il ricorso alla Corte dei Conti.

 

Dicembre\3

L’anno finisce come era iniziato: con la ribalta dei movimenti ultra Cattolici. Una foto condivisa dalla pagina Facebook della Proloco di Viterbo che mostrava la Natività rappresentata con degli animali fa andare su tutte le furie i credenti più ortodossi. La Proloco e la sua presidente Irene Temperini vengono prese di mira da un massiccio numero di persone. Irene Temperini denuncerà poi il fatto a causa delle pesanti minacce ricevute sui social network e via mail.