Sotto col ciuffo! Un trasporto 2014 pieno di novità

Sotto col ciuffo! Un trasporto 2014 pieno di novità

Il sentimento del tre settembre inizia a essere sempre più vivo in città. La tradizione gode di ottima salute e per questo 2014 ci sono tante novità.

ADimensione Font+- Stampa

FioredelCielo02Una tradizione “work in progress”, questo è il trasporto della Macchina di Santa Rosa. Un’emozione in blocco, di quelle che ai viterbesi (non importa di che età sei) ferma il groppo in gola sempre e comunque, che sotto la regia del Sodalizio dei Facchini e dei tanti appassionati che partecipano a vario titolo all’annuale impresa deve fare i conti  sempre con delle novità.

Le novità, quest’anno si dovrebbe dare vita a un fascicolo per snocciolarle tutte. Domattina La Fune apre con un’intervista molto importante e interessante, che di cose curiose ne mette al centro almeno un paio. Non vi sveliamo chi è l’intervistato, vi diamo appuntamento alle 7 precise. Mettete su il caffè e sintonizzatevi sulle nostre frequenze.

Ci avviciniamo al 3 settembre e già l’aria sta cambiando. L’evento, il rito della Macchina, gode di ottima salute. Lo dimostra la nascita di una nuova minimacchina, a Santa Barbara. Ne danno conferma dal pilastro, dove i Loddo e la grande famiglia dei facchini del quartiere stanno preparando un 30 agosto che si preannuncia stracarico di ricordi ed emozioni. La scelta di rinnovare la minimacchina con un rifacimento di Spirale di Fede, la Macchina di Giovanni Paolo II, lascia presagire un’ondata di gente. L’appuntamento con la minimacchina di San Giovanni infine rinnoverà la più antica tradizione.

Il 3 settembre poi la grande sfida, l’allungamento del percorso (40 minuti in più di trasporto) su via Marconi. Una scelta del Sodalizio per onorare il titolo di patrimonio immateriale dell’Unesco che questa festa tutta viterbese ha saputo portare a casa.