SEL Viterbo d’accordo con Serra sulla «Carta di Pisa»: “parliamone”

SEL Viterbo d’accordo con Serra sulla «Carta di Pisa»: “parliamone”

Anche SEL apre alla discussione nella maggioranza: "continuano le ambiguità di componenti oggi significative della maggioranza, tra conflitti di interesse e collateralismi con la minoranza".

ADimensione Font+- Stampa

390062_589412754431966_1127027530_nSinistra Ecologia e Libertà sposa la linea-Serra sulla trasparenza: “ben venga la discussione sulla Carta di Pisa” e poi rilancia con “l’istituzione di un ambito permanente di confronto con tutti gli operatori culturali. Un contributo indispensabile alla chiarezza in ciascun ambito”.

Nell’annunciare l’assemblea del Circolo di Sel di sabato pomeriggio il coordinamento comunale del partito di maggioranza fa il punto della situazione sullo stato dell’amministrazione Michelini, partendo proprio da quella«Carta di Pisa»proposta dal capogruppo Pd Francesco Serra dalle pagine de La Fune. Un punto della situazione critico in cui vengono individuate poche note positive, come ad esempio il lavoro svolto da Ricci sull’urbanistica e da Raffaella Valeri sulla riorganizzazione scolastica, che però “non confortano”.

“Questa amministrazione – spiega Sinistra Ecologia e Libertà – è oggettivamente pigra, anche sul piano della comunicazione, della partecipazione e della condivisione. Continuano le ambiguità di componenti oggi significative della maggioranza, tra conflitti di interesse e collateralismi con la minoranza”. È un riferimento a Filippo Rossi e al suo doppio ruolo in Caffeina e nell’amministrazione e alla sua partecipazione alla discussione con Forza Italia sui temi della cultura?

 

Che cos’è la «Carta di Pisa»? Leggi.