Sallupara, l’amministrazione risponde a La Fune: “i lavori partiranno”. Stiamo sereni?

Sallupara, l’amministrazione risponde a La Fune: “i lavori partiranno”. Stiamo sereni?

“I lavori partiranno e il finanziamento non andrà perso”. L’amministrazione comunale ha risposto così a un’interrogazione della consigliera di minoranza Chiara Frontini che ha sollevato la questione di cui aveva parlato La Fune qualche giorno fa.

ADimensione Font+- Stampa

“I lavori partiranno e il finanziamento non andrà perso”. L’amministrazione comunale ha risposto così a un’interrogazione della consigliera di minoranza Chiara Frontini che ha sollevato la questione di cui aveva parlato La Fune qualche giorno fa (leggi qui). Si parla delle ex scuderie Sallupara oggetto di un finanziamento della Fondazione Carivit di 1 milione di euro per il recupero di un stabile che dovrebbe poi diventare un centro culturale. I lavori dovevano già partire entro il 17 ottobre scorso, ma ciò non era stato possibile. Poi la deroga, arrivata il 26 gennaio, e l’aut-aut: o i lavori partono entro il 18 aprile o la Fondazione Carivit ritira il milione di euro. E lo investirà diversamente magari dandolo a qualcuno che saprà spenderlo.

Il restauro restituirà a Viterbo l’edificio di Bramante che fu distrutto dai bombardamenti del 1944 (qui) e che è rimasto nell’abbandono fino al 2012. Un recupero importante che potrebbe finalmente riportare alla luce quella Viterbo rinascimentale cancellata dalle memoria collettiva. Insieme alla Rocca Albornoz potrebbe infatti contribuire a creare in quella zona il Polo rinascimentale da affiancare al Polo medioevale di San Pellegrino.