Piacere Etrusco, Merlani: “già oltre le nostre aspettative, c’è grande attenzione”

Piacere Etrusco, Merlani: “già oltre le nostre aspettative, c’è grande attenzione”

Il presidente della Camera di Commercio di Viterbo Domenico Merlani ha spiegato che l’evento organizzato per il terzo anno dall’Ente ha una doppia valenza

ADimensione Font+- Stampa

Piacere Etrusco, iniziato ieri a Roma, è l’occasione per il territorio di andare davvero oltre le mura. Il presidente della Camera di Commercio di Viterbo Domenico Merlani ha spiegato che l’evento organizzato per il terzo anno dall’Ente ha una doppia valenza (ne abbiamo già parlato qui).

Un pretesto per far conoscere il territorio?
“Esatto non solo avviciniamo i produttori della Tuscia e gli operatori del settore di Roma, ma anche per far conoscere il viterbese al grande pubblico”.

Lei l’ha definita un’occasione per il territorio.
“Abbiamo risultati in crescita, il terzo anno va già al di là delle nostre aspettative, con una grande comunicazione e una bella attenzione mediatica. C’è grande risonanza sulla Capitale che ci fa ben sperare. Avremo anche appuntamenti televisivi con La7”.

La cosa più particolare che porterete?
“Tanti. Dai più blasonati come gli oli dop Tuscia e Canino che hanno una filiera certificata, poi la patata dell’alto Lazio e il pesce di lago che è sempre stato considerato un prodotto di serie B, ma così non è, poi le nocciole e tanti altri”.

Chi sono gli operatori coinvolti?
“Sono 33 produttori che rispettano il disciplinare del marchio Tuscia Viterbese. Operatori che forniscono prodotti di prima qualità a filiera garantita”.

Quante visite vi aspettate?
“Dopo le oltre 3mila del 2013 e le quasi 6mila del 2014, quest’anno ne aspettiamo circa 10mila, anche grazie ad una comunicazione mirata fatta a Roma tra giornali e cartellonistica nella Metro di Roma”.