Nonostante le voci bipartisan, nessun apparentamento: la corsa di Arena e Frontini prosegue nel testa a testa

Nonostante le voci bipartisan, nessun apparentamento: la corsa di Arena e Frontini prosegue nel testa a testa

La corsa di Chiara Frontini e Giovanni Arena prosegue così senza modifiche dal punto di vista formale, nonostante proprio tra sabato sera e domenica mattina sembra si sia parlato di una possibile alleanza tra Centrodestra e Casapound. Voce che è morta così come quella che vedeva Chiara Frontini in procinto di allearsi con Luisa Ciambella.

ADimensione Font+- Stampa

Nessun apparentamento: ieri scadeva il termine ultimo per i candidati sindaco per depositare le eventuali nuove alleanze in vista del ballottaggio di domenica 24 giugno e nessuno si è presentato per depositarle. La corsa di Chiara Frontini e Giovanni Arena prosegue così senza modifiche dal punto di vista formale, nonostante proprio tra sabato sera e domenica mattina sembra si sia parlato di una possibile alleanza tra Centrodestra e Casapound. Smentite già nei giorni scorsi invece le voci che vedevano Chiara Frontini tentare l’accordo con Luisa Ciambella, che invece ha smesso di rispondere al telefono e ha scelto di metabolizzare la sconfitta prendendosi dei giorni di pausa dalla politica.

Tra gli esclusi quello che avrebbe scalpitato di più sarebbe stato Claudio Taglia, candidato sindaco di Casapound Italia, che è rimasto scottato tremendamente da un risultato beffardo: lui ha ottenuto il 3,11%, mentre le sue liste il 2,87%. Lo sbarramento per il Consiglio comunale contandosi sui voti validi ottenuti dalle liste e non dai candidati sindaco, lo ha messo fuori dalla porta di Palazzo dei Priori, dove puntava a tornare dopo l’esperienza amministrativa al fianco di Giulio Marini e Giovanni Arena. Una beffa che si conta quasi sulla punta delle dita: 38 infatti i voti in più che servivano per farlo rientrare nella nuova composizione.

Arena e Taglia sarebbero stati visti parlare, ma le voci sono state smentite dai fatti tanto che l’accordo non si è fatto. E questo, seppure sia un dato intangibile, è comunque un segnale di come parte dell’ultra-destra cittadina (almeno quella più istituzionale) possa aver deciso di votare il candidato di Forza Italia. Chiara Frontini invece sarebbe preferita dagli elettori di Centrosinistra, e la voce, poi smentita, di una sua vicinanza (che riteniamo improbabile) con Luisa Ciambella comunque conferma la possibile preferenza di campo di questo tipo di elettorato, che rimarrà ampliamente sottorappresentato nel prossimo Consiglio comunale. Questo anche se alcuni, come Martina Minchella (e quindi Beppe Fioroni), sembrano preferire Giovanni Arena: solo con la vittoria del Centrodestra infatti si aprirebbero le porte del Consiglio alla nuova delfina fioroniana. 

>> Gli eletti del Consiglio Comunale