Marini: «per la promozione degli eventi del Natale siamo fuori con l’accuso, rimandiamo» 

Marini: «per la promozione degli eventi del Natale siamo fuori con l’accuso, rimandiamo» 

“La Pietà a Vicenza? Non ha senso per un evento di rilevanza intercomunale. Quando la demmo a Berlino era per un evento di caratura internazionale"

ADimensione Font+- Stampa

“La Pietà a Vicenza? Non ha senso per un evento di rilevanza intercomunale”. L’ex sindaco Giulio Marini dice la sua sull’idea di prestare l’opera di Del Piombo a Vicenza. Idea che sarebbe comunque saltata a causa del niet della Sovrintendenza a causa del trasporto troppo rischioso per l’opera. Un niet che però non fu dato per il trasporto della stessa a Berlino, 5 anni fa.

“Certo – aggiunge Marini – allora fu proprio la Sovrintendenza a chiederci l’opera, ma fu per per portarla ad un evento di caratura internazionale. Vicenza invece fa un evento intercomunale, non ha senso”. All’ora c’era Claudio Strinati a dirigere l’operazione nata sotto l’amministrazione Gabbianelli. “Comunque andare a Vicenza non servirebbe a nulla. Altro discorso – spiega – per l’Expo di Milano, però prima di esprimermi definitivamente vorrei capire l’architettura del padiglione e le condizioni di esposizione. L’Expo ha tutt’altra rilevanza”.

Con l’operazione-Vicenza andata a male, rischia di saltare anche l’arrivo delle opere di Veronese e Van Dick a Viterbo, ma forse meglio così. “Non ci sono i tempi per programmare una campagna promozionale, siamo fuori con l’accuso, faremmo le solite cose fatte per noi e basta. Cose che ho fatto anche io, ma non ci servono ora. A questo punto – conclude Marini – sarebbe meglio fermarci e programmare le attività per il prossimo anno. Senza promozione è inutile fare queste cose”.