Le domeniche della proloco tra gli Etruschi e il castello Ruspoli

Le domeniche della proloco tra gli Etruschi e il castello Ruspoli

Due domeniche a passeggio con la proloco di Viterbo, alla scoperta di luoghi sconosciuti ai più: la tomba etrusca di Poggio Giudio e il castello Ruspoli.

ADimensione Font+- Stampa

Due domeniche a passeggio con la proloco di Viterbo, alla scoperta di luoghi sconosciuti ai più: la tomba etrusca di Poggio Giudio e il castello Ruspoli. Si comincia il 5 di ottobre con la visita a Poggio Giudio. Un luogo incantevole quasi dimenticato. Si tratta di un unicum a Viterbo: ovvero di un parco suburbano archeologico di epoca etrusca, a pochi metri dal centro di Viterbo. “Ringraziamo il proprietario Pasquale Marino – ha detto Irene Temperini della proloco, oggi ospite di Funamboli su Radio Verde – che permette, con la sua disponibilità, di far visitare il sito”. Il posto è diviso in due parti. Una alta, di proprietà della provincia, che nel 2006 la aprì, e una bassa privata. E proprio in quella inferiore si trovano iscrizioni e una tomba etrusca. Oltre a delle fornaci del ‘500 che hanno funzionato fino al secolo scorso.

A rispondere all’invito, oltre agli affezionati storici della proloco di Viterbo ci saranno anche visite da Roma. “È prevista – ha detto ancora Irene Temperini – la presenza dei ragazzi del Gruppo Archeologico Romano”. L’iniziativa è resa possibile dalla disponibilità del proprietario, del contributo della ProFerento e sarà arricchita dalla guida dell’associazione di Percorsi Etruschi Elena Ronca. L’appuntamento è alle 9, a valle Faul per fare il percorso in bicicletta sulla pista ciclabile. Alle 9.30 9.40 al parcheggio di Castel d’Asso, per chi arriva in macchina. In chiusura un aperitivo offerto.

Sette giorni dopo ci si sposta dalle tombe etrusche al Castello Ruspoli di Vignanello per ripercorrere a piedi, a ritroso, il percorso fatto da santa Giacinta Marescotti, da Vignanello a Viterbo. “Non tutti lo sanno ma Santa Giacinta, è la compatrona di Viterbo e Vignanello. L’iniziativa porterà i partecipanti a percorrere 15km a piedi tra le due città, attraversando anche Canepina e Vallerano”. Al termine del percorso la visita al Castello Ruspoli. “Un luogo meraviglioso, uno dei più belli della Regione con un giardino all’italiana molto curato”. L’iniziativa è possibile grazie alla collaborazione del Centro Studi Santa Giacinta Marescotti e del Comitato di Vignanello di San Biagio e santa Giacinta e della disponibilità della principessa Giada Ruspoli. Al castello previsto anche un buffet per i partecipanti.

E intanto le prenotazioni fioccano: “arrivano telefonate anche da Roma“. Buone passeggiate