La Tuscia festeggia il suo “oro verde”. Bene la produzione 2015, 100 eventi per ‘La Festa dell’olio’

La Tuscia festeggia il suo “oro verde”. Bene la produzione 2015, 100 eventi per ‘La Festa dell’olio’

Questa del 2015 si sta delineando come una buona annata per la produzione di olio. L'oro verde rappresenta uno dei fiori all'occhiello del Viterbese, che anche quest'anno viene promosso, sotto la regia della Camera di Commercio di Viterbo, con la 'Festa dell'Olio della Tuscia'.

ADimensione Font+- Stampa

Olio made in Tuscia, un tesoro da proteggere e condividere. Con questo spirito la Camera di Commercio di Viterbo promuove le ‘Feste dell’Olio della Tuscia’. Lo scorso fine settimana un grande taglio del nastro a Blera e Vignanello, con migliaia di persone che si sono mosse in interessanti e colorati percorsi tra stand e caratteristiche cantine in tufo. E questo fine settimana Vignanello fa il bis. Festa anche a Gallese, con diverse manifestazioni in cartello tra sabato 21 e domenica 22. Vetralla e Canino puntano sul week end dell’Immacolata. Le due importanti realtà produttive, si sfideranno a colpi di Dop: Canino e Tuscia.

In tutta la provincia sono circa 100 gli eventi, pensati per coinvolgere tutti i gusti e tutte le età. La presentazione dell’iniziativa diffusa si è svolta ieri mattina presso lo splendido palazzo del Cefas di Villa Tedeschi, su viale Trieste. A fare gli onori di casa il presidente della Camera di Commercio Domenico Merlani, che ha sottolineato l’importanza dell’economia dell’olio per il territorio provinciale.

La scelta di presentare la ‘Festa dell’Olio’ 2015 al Cefas non è stata casuale. L’azienda speciale della Camera di Commercio infatti ha tra i suoi compiti anche quello di certificare l’olio. Un lavoro svolto per gruppi, denominati panel, che qualificano l’oro verde attraverso parametri oggettivi e universalmente riconosciuti.

Il meccanismo è stato illustrato dalle due responsabili del procedimento: Lucia Lancetti e Maria Teresa Frangipane. La Camera di Commercio, con una spesa di 25-30 euro, permette a tutti i produttori di qualificare il proprio olio e di individuare e intervenire su eventuali difetti presenti.

La stagione 2015 si sta delineando come particolarmente fortunata, dopo quella timida dello scorso anno. Nel 2014 infatti il raccolto fu compromesso dagli effetti negativi sul frutto della mosca olearea. Quest’anno il problema si è presentato in maniera minore e quindi si stanno avendo buone raccolte e abbondante produzione d’olio.

Le Feste dell’Olio della Tuscia sono promosse dalla Camera di Commercio di Viterbo con il patrocinio di Regione Lazio, Provincia di Viterbo, Arsial e Associazione Nazionale Città dell’Olio.

Per un quadro sulla situazione dell’olio in Italia leggi l’inchiesta di RE (paura xylella, prezzi comparati, come leggere l’etichetta)