La Facolta di Medicina a Viterbo, nello stabile dell’ex Ospedale Vecchio

La Facolta di Medicina a Viterbo, nello stabile dell’ex Ospedale Vecchio

Aprire la Facoltà di Medicina a Viterbo e darle come sede lo stabile dell'ex Ospedale Vecchio. E' un'idea progettuale, piuttosto interessante, che è stata presentata da Fondazione per la Tuscia.

ADimensione Font+- Stampa

Aprire la Facoltà di Medicina a Viterbo e darle come sede lo stabile dell’ex Ospedale Vecchio. E’ un’idea progettuale, piuttosto interessante, che è stata presentata da Fondazione per la Tuscia.

Oltre alla possibilità di formazione “in casa” per i giovani aspiranti medici viterbesi ci sarebbero tutta una serie di risvolti positivi nell’operazione. L’aumento dell’appeal per l’Ateneo della Tuscia. Ma soprattutto, forse è questa la dimensione più interessante, la rimessa in utilizzo di “quel casermone” oggi vuoto e malconcio dello stabile che ospitava il vecchio ospedale del capoluogo. 

Oggi quel patrimonio immobiliare, cartolarizzato dal fu presidente della Regione Francesco Storace, giace inutilizzato e soggetto a costante deterioramento. Rappresenta inoltre, vista la mole e il collocamento (praticamente attaccato a palazzo papale) un fattore di degrado imperdonabile nel centro storico viterbese. Luogo che dovrebbe essere turistico. 

L’operazione, una volta trovato l’accordo tra Comune e Regione, dovrebbe incontrare il favore economico della CRUI e quindi andare in porto. Fondazione, che punta a partecipare con il centrodestra alla guida della città di Viterbo, individua in questa azione un portato strategico importante. Sarebbe, indipendentemente dall’esito del voto, opportuno perseguire questa visione. Quantomeno per togliere degrado e bruttezza dal centro di Viterbo.