La Camera di Commercio in prima linea per valorizzare la Via Francigena

La Camera di Commercio in prima linea per valorizzare la Via Francigena

La Camera di Commercio Viterbo mette in campo nuove attività di formazione, promozione e comunicazione per valorizzare la Via Francigena quale importante risorsa per il turismo escursionistico e religioso.

ADimensione Font+- Stampa

Dopo il grande successo della prima edizione di Cammini del Lazio di Unioncamere Lazio, che nello scorso mese di settembre ha attraversato la Tuscia da Proceno a Roma, la Camera di Commercio Viterbo mette in campo nuove attività di formazione, promozione e comunicazione per valorizzare la Via Francigena quale importante risorsa per il turismo escursionistico e religioso.

Si svolgerà il prossimo 29 novembre 2016 dalle ore 9.45, nella sede del CeFAS in viale Trieste n. 127, il seminario “Prospettive di sviluppo della Via Francigena”, rivolto in particolare a operatori turistici, produttori agroalimentari e artigiani, rappresentanti di Comuni e Pro loco.

Interverranno al seminario: Francesco Monzillo, segretario generale della Camera di Commercio Viterbo; Simone Quilici, della Direzione Cultura e Politiche Giovanili Area Valorizzazione del Patrimonio Culturale della Regione Lazio; Sabrina Busato, esponente della Feisct-Federazione Europea Itinerari Storici Culturali e Turistici; Luigi Pagliaro, responsabile dello Sportello Digital Marketing dell’Ente camerale.

Tra gli argomenti affrontati: gli aspetti storici, culturali e ambientali del Cammino; marketing e analisi del target turistico; uso di internet e dei social network quali strumenti di promozione e supporto; esperienza e risultati apprezzati in occasione dell’evento “Cammini del Lazio”.

Per informazioni e iscrizioni www.vt.camcom.it e [email protected], tel. 0761.234403 – 0761.234506

Sul fonte promozionale nei giorni scorsi la Francigena della Tuscia è stata protagonista nel padiglione della FITETREC (Federazione del Turismo Equestre) a Fiera Cavalli a Verona, dove si è confermato l’interesse sulle ippovie che riescono a coniugare la spiritualità con la possibilità di godere di bellezze artistiche, storiche, naturali e delle produzioni artigianali ed enogastronomiche, ambiti nei quali la Tuscia eccelle. Alla Fiera di Verona hanno riscontrato un notevole successo anche le imprese a Marchio Tuscia Viterbese che hanno voluto contribuire con i loro prodotti ed i loro gadget ad allietare il percorso sulla Francigena di settembre, un paniere importante che ha coinvolto il CCORAV, l’Oleificio sociale di Canino, il Marruggio e Coopernocciole.

Il presidente della Camera di Commercio Domenico Merlani, presente a Fiera Cavalli ha dichiarato: “Sta crescendo l’interesse che stanno suscitando i percorsi lenti, noi dobbiamo essere bravi a sfruttare questo movimento partendo proprio dalla Francigena che può diventare uno degli attrattori importanti del nostro territorio ed essere uno degli elementi che ci può aiutare a veicolare la conoscenza della Tuscia”.

Infine, dal punto di vista informativo, su richiesta dell’Ente camerale le guide del CAI Viterbo (Club Alpino Italiano) stanno completando in queste settimane il posizionamento di cartelli indicatori e segnavia sull’intero percorso, in modo da rendere più agevole il tracciato per pellegrini ed escursionisti, mentre sul portale TusciaWelcome.it è attiva una sezione interamente dedicata alla Francigena della Tuscia.

Banner
Banner
Banner