Ex Terme Inps, divergenze in maggioranza

Ex Terme Inps, divergenze in maggioranza

Terme Inps, nulla di fatto in commissione. Contrasti in maggioranza frenano la discussione sulla proposta di deliberazione consiliare.

ADimensione Font+- Stampa

inpsSulla città termale la maggioranza ha idee diverse. All’origine della non discussione della proposta di deliberazione consiliare, attesa oggi in seconda commissione, dovrebbe esserci questo. Anche se ufficialmente la discussione, inserita all’ordine del giorno, è saltata per volontà di approfondimento espressa dall’assessore competente Antonio Delli Iaconi.

Indiscrezioni parlano di divisioni tra i consiglieri della squadra di Michelini. Dietro all’argomento gli interessi di diversi imprenditori viterbesi, decisi a tuffarsi a vario titolo e con vari ruoli nel business del termalismo. Nodo centrale resta la quantità d’acqua termale utilizzabile da parte delle Terme dei Papi. Nodo che potrà essere sciolto solo dal pronunciamento del Consiglio di Stato, chiamato a esprimersi sulla situazione. Pronunciamento atteso entro la fine del 2014.

Intanto si temporeggia.