Eppur qualcosa si muove, ma cosa?

Eppur qualcosa si muove, ma cosa?

Viterbo è ferma al palo eppur qualcosa si muove. Già, ma che cosa? Dopo la batosta della sentenza del Tar sul contenzioso Terme dei Papi \ Regione Lazio-Comune di Viterbo ci aspettavamo che si alzassero forti le voci di chi governa la città. Insomma, i pochi che ancora ci credono forse [...]

ADimensione Font+- Stampa

Viterbo è ferma al palo eppur qualcosa si muove. Già, ma che cosa? Dopo la batosta della sentenza del Tar sul contenzioso Terme dei Papi \ Regione Lazio-Comune di Viterbo ci aspettavamo che si alzassero forti le voci di chi governa la città. Insomma, i pochi che ancora ci credono forse speravano in uno scatto d’orgoglio della politica, un piano da mettere in campo, una qualche promessa sul da farsi. E invece? Nessun buon -misero- proposito, ma solo capricci su problemi interni al Pd, alla maggioranza e alla giunta. Una vera e propria barzelletta.

Tutti contro tutti. Le questioni? Di metodo. Eh sì, perché, ricordate, stiamo parlando del centro-sinistra e a sinistra piace tanto parlare di metodo. Ma oltre che di metodo alla sinistra piace fare un’altra cosa: le analisi delle sconfitte. Ecco, sembra che ce la stiano mettendo tutta per tornare a farle.

Meno male però che dall’altra parte c’è un centro-destra unito, forte e deciso sulla linea da seguire e sui progetti da mettere in campo. Eh sì, sono lontani i tempi in cui le crisi di giunta al comune di Viterbo erano dettate dalla necessità di rivedere gli equilibri della maggioranza. Mica si parla più in politichese nel centro-destra. Dopo la batosta delle scorse amministrative ce li vedete provocare una crisi di giunta in provincia per motivi che capiscono solo loro?