Caos sulla nuova Macchina di Santa Rosa

Caos sulla nuova Macchina di Santa Rosa

Confusione a Palazzo dei Priori, il futuro della Macchina di Santa Rosa divide gli animi. In corso un consiglio comunale acceso. Per Santucci c'è il rischio di ripetere quanto successo tra Arturo Vittori e Loris Granziera.

ADimensione Font+- Stampa

La Forza della Fede (Stefano Marigliani)La Macchina di Santa Rosa è al centro del consiglio comunale, ma nessuno ha l’idea giusta per il “sollevate e fermi” della procedura che dovrà portare al nuovo modello. In queste ore è in corso la discussione, dopo le due sedute (ieri e stamattina) di seconda e quarta commissione. La proposta di deliberazione ha creato non poche perplessità, dettando levate di scudi dagli uomini delle opposizioni ma anche screzi di maggioranza. Con ‘Oltre le Mura’ che ha chiuso la commissione avanzando un emendamento volto a togliere la dicitura “Macchina di Santa Rosa Expo 2015”.

La proposta di deliberazione traccia la rotta del concorso d’idee. Due fasi: concorso e gara europea per individuare il costruttore.

Soluzione che ha mostrato il fianco a tutta una serie di lance. Forse la più acuminata l’ha conficcata Gian Maria Santucci (Fondazione): “Così si rischia di dettare la stessa situazione pesante di ‘FioredelCielo’. Con un ideatore e un costruttore che a un certo punto hanno discusso tra di loro, rendendo necessario il salvataggio di Cesarini e Fiorillo. Anche la gara europea, che rischia di portare il costruttore da posti lontani è problematica”.

Ma le perplessità non finiscono qui. Si tratta davvero di un concorso d’idee quello che si vuole realizzare? Per l’opposizione no. La richiesta di una certificazione tecnica introduce una forte selezione.

E la commissione giudicante? Anche lì problemi. Per Michelini va decisa dopo, ma non tutti sono d’un sentimento. La faccenda è complicata. Rispunta anche la questione della decisione a mezzo di referendum popolare. Per la maggioranza: è impossibile. Minoranza: “Impossibile perché ci state mettendo mano a ottobre, siete andati lunghi!”. Intanto nella maggioranza è caos.