Canili, fino a oggi il Comune ha speso 700mila euro all’anno. L’amministrazione Michelini punta a dimezzare la cifra ottimizzando il servizio

Canili, fino a oggi il Comune ha speso 700mila euro all’anno. L’amministrazione Michelini punta a dimezzare la cifra ottimizzando il servizio

Un piano di razionalizzazione per dimezzare la gravosa spesa attuale per il sostegno comunale ai canili. Da 700mila euro si vuole arrivare a 350mila, già quest'anno si è scesi a 650mila euro spesi.

ADimensione Font+- Stampa

canile650mila euro per la gestione dei canili di Viterbo. Questo è quanto oggi Palazzo dei Priori spende per far fronte alla gestione dei quattro zampe senza una famiglia. Una vera e propria fortuna, ma fino allo scorso anno la cifra era ancora più alta: 700mila euro.

Durante la conferenza stampa di presentazione della ‘Prima giornata del microchip’ il sindaco Leonardo Michelini ha affrontato il tema. Auspicando che la diffusione delle buone pratiche, per altro previste dalle normative vigenti, di dotare gli animali di microchip possa aiutare a ridurre questo tipo di spese. “Soldi – ha dichiarato il primo cittadini – che potrebbero essere impiegati per altre iniziative a vantaggio degli animali”.

In realtà il tema dei canili è stato affrontato dall’attuale amministrazione, che si è data l’obiettivo di gestire al meglio la situazione. Proprio alcuni piccoli correttivi introdotti hanno permesso di risparmiare già sul 2014 50mila euro. Non poco. Ma Palazzo dei Priori ha fatto di più, elaborando un progetto di ristrutturazione del servizio che punta a dimezzare, entro fine mandato, la spesa iniziale.

Si vuole arrivare a contenere la spesa comunale per i canili intorno ai 350mila euro.