Banca Sviluppo Tuscia apre le porte

Banca Sviluppo Tuscia apre le porte

Un istituto di credito del territorio che si mette a disposizione dell'economia locale. Con questi presupposti ha ufficialmente aperto Banca Sviluppo Tuscia.

ADimensione Font+- Stampa

bancaUna nuova banca al servizio delle imprese e dei professionisti della Tuscia. Con questi presupposti è stata varata l’apertura di Banca Sviluppo Tuscia.

Il tradizionale taglio del nastro da parte del Presidente David Manzi ha ufficialmente sancito, sabato scorso, l’apertura di Banca Sviluppo Tuscia. La cerimonia inaugurale ha visto la partecipazione del sindaco di Viterbo Leonardo Michelini, del vescovo Lino Fumagalli, del Presidente della Provincia Meroi, del Magnifico Rettore dell’Università della Tuscia Alessandro Ruggieri, delle massime rappresentanze delle forze dell’ordine, degli oltre 500 soci che fin dal principio hanno sostenuto questa impresa , nonché di centinaia di cittadini accorsi a testimoniare l’eccezionalità dell’evento.

Nel ringraziare i partecipanti, il Presidente Manzi ha pubblicamente ribadito la missione del nuovo istituto di credito, individuabile nella spiccata vocazione territoriale, sottolineando come – in Banca Sviluppo Tuscia – il supporto alle famiglie e alle imprese locali passerà attraverso un sistema di rapporti e di relazioni dirette ed efficaci, in grado di offrire ai propri clienti risposte rapide e affidabili. “Questa peculiarità, che differenzia il nostro istituto di credito dalle grandi aggregazioni bancarie già presenti nella Tuscia, è grande motivo di orgoglio per tutti i membri della banca e per i 532 soci che hanno sempre creduto in questo ambizioso progetto” – ribadisce Manzi.

“Testimoniamo con grande piacere – interviene il sindaco Michelini – l’apertura di un istituto bancario a supporto delle famiglie e dell’economia locale. Mi auguro che non ragioni solo in termini di numeri ma che valorizzi anche e soprattutto la validità progettuale di chi verrà a chiedere denaro. La nostra terra, così come il resto del paese, è caratterizzata da tante realtà diverse: valorizzare queste diversità equivale, a mio parere, all’inizio della ripresa per poter uscire dalla crisi. La vostra vicinanza al territorio vi permetterà indubbiamente di fornire ai vostri clienti una consulenza diversa, basata sull’ascolto attivo delle loro esigenze. Buon lavoro a tutti voi.”

Dopo la benedizione degli astanti, interviene Mons. Lino Fumagalli per un saluto augurale: “É molto importante avere il coraggio di venire in supporto di questa nostra terra in recessione profonda. Le buone idee ci sono, ma non sempre hanno il supporto necessario, specialmente in fase iniziale, per potersi poi concretizzare. Il mio augurio è che favoriate lo sviluppo di questo nostro territorio anche con una discreta capacità di accettare il rischio per piccoli aiuti, al fine di offrire sostegno a chi desidera aprire una nuova attività.”

I festeggiamenti si sono protratti fino a sera per poter offrire ai numerosi ospiti intervenuti l’opportunità di visitare i locali della filiale e gli uffici direzionali, in un clima di grande cordialità. Da lunedì 6 Ottobre Banca Sviluppo Tuscia è ufficialmente operativa nella filiale di Viterbo, in viale Francesco Baracca 73.