33mila pasti serviti in tutto il 2014 dalla mensa Caritas

33mila pasti serviti in tutto il 2014 dalla mensa Caritas

33mila pasti serviti nel 2014. E' come se un viterbese su due, almeno una volta l'anno avesse avuto bisogno di mangiare alla mensa della Caritas. Un numero grande e una grande organizzazione che riesce a fronteggiare la situazione.

ADimensione Font+- Stampa

città alto33mila pasti serviti in tutto il 2014. Applicando la matematica e dividendo per tutti i giorni dell’anno siamo a una media di 90 pasti al giorno. Questa è la mensa Caritas di Viterbo.

Un numero duro. Che racconta una situazione pesante che anche la città di Viterbo sta vivendo. Ma il dato potremmo sviscerarlo ancora e dividerlo per due: un pranzo e una cena. Viene fuori che almeno 45 persone ogni giorno, nella sola città di Viterbo, non hanno di che vivere. Niente di niente, neanche la possibilità economica di mettere insieme il pranzo con la cena.

Ma questa è una riflessione matematica che rischia di alleggerire quella che in realtà è una situazione peggiore. Le persone che entrano in contatto con la Caritas, che si mettono in fila fuori alla mensa di piazza San Leonardo in realtà sono molte di più. A gestire la struttura c’è l’associazione di volontariato ‘Don Alceste Grandori’. Loro ogni giorno accendono il fuoco del fornelli e quello simbolico del punto d’incontro. 

Tutto è iniziato nell’ormai lontano 23 ottobre 1995. Una storia fatta di pasti caldi, ma anche di altro tipo di sostanze. Accoglienza, ascolto, rispetto e amicizia. E a mettere olio nella lampada sono tanti viterbesi che con le loro donazioni: di alimenti e di denaro; rendono possibile tutto questo. 

Al lavoro dei fornelli si aggiunge quello de ‘La Tenda’. Un progetto che riesce a mettere un tetto sopra la testa a chi non ha neanche una piccola casa dove dormire. Un qualcosa che brilla ancora di più a Natale, dove i volontari continuano a esserci. A essere presenti per gli ultimi.