Zingaretti a Viterbo tra donne e consultori, giovani e lavoro, imprese e investimenti

Zingaretti a Viterbo tra donne e consultori, giovani e lavoro, imprese e investimenti

Porta Futuro, Centro senologico, sportello “Non avere paura” e incontro con i sindaci per i fondi europei. Il lungo pomeriggio di Nicola Zingaretti nella Tuscia tra Università, ospedale di Belcolle e Prefettura ha visto una massiccia partecipazione di politici locali.

ADimensione Font+- Stampa

Porta Futuro, Centro senologico, sportello “Non avere paura” e incontro con i sindaci per i fondi europei. Il lungo pomeriggio di Nicola Zingaretti nella Tuscia tra Università, ospedale di Belcolle e Prefettura ha visto una massiccia partecipazione di politici locali.

Il governatore del Lazio, insieme al vicepresidente Massimiliano Smeriglio e i consiglieri di maggioranza Enrico Panunzi e Riccardo Valentini e quello d’opposizione Daniele Sabatini, ha iniziato il proprio pomeriggio con l’inaugurazione dell’area Porta Futuro presso l’Università della Tuscia, una iniziativa che punta a offrire “più servizi per sostenere chi cerca lavoro. Senza baciare la mano a politico di turno”. Insieme a loro all’Unitus anche il rettore Alessandro Ruggieri.

All’Ospedale di Belcolle, nel giorno della festa delle donne, l’inaugurazione di due strutture a loro dedicate: il centro senologico, guidato da Patrizia Frittelli (la consigliera comunale), e lo sportello dedicato alle donne vittima di violenza “Non aver paura”. Nell’occasione Zingaretti ha annunciato che i conti ora sono in ordine: “Avviamo il processo di ricostruzione”. E a proposito di (ri)costruzione il direttore generale dell’Asl Daniela Donetti di Viterbo ha annunciato che il progetto per il completamento dell’Ospedale sono in attesa del via libera della Regione: “Siamo certi arriverà, poi la stipula del contratto per chi farà i lavori”. Zingaretti ha poi parlato anche su Facebook, lanciando il suo messaggio sui consultori: “Presto un piano per ripensare e rilanciare le rete dei consultori del Lazio. Per me l’8 marzo è il giorno della coerenza e dei fatti concreti”.

Infine l’incontro con i sindaci della Tuscia in Prefettura per spiegare quali opportunità per le imprese del Lazio offre la nuova programmazione 2014\2020 dell’Ue con 450milioni a disposizione.

Decarta racconta la Tuscia