“Vogliamo una Tuscia più sicura”, i cittadini dal prefetto

“Vogliamo una Tuscia più sicura”, i cittadini dal prefetto

“Una Tuscia più sicura”, questo è quanto chiede Viterbo Civica che per sabato prossimo ha intenzione di incontrare il prefetto Rita Piermatti.

ADimensione Font+- Stampa

“Una Tuscia più sicura”, questo è quanto chiede Viterbo Civica che per sabato prossimo ha intenzione di incontrare il prefetto Rita Piermatti.

L’associazione ha lanciato un evento sui social per dare appuntamento, alle 12, ai cittadini proprio sotto al palazzo del governo. “Chiediamo un incontro con il prefetto. Chiediamo al prefetto di battere i pugni con Roma per farci mandare più forze dell’ordine, quanto già in servizio in questo momento stanno lavorando con le pezze al sedere”, scrivono dall’associazione.

“Chiediamo al prefetto – continuano – di far controllare gli affitti in nero, ricettacolo di persone sconosciute che si insediano dentro la nostra città e nella nostra provincia. Vitorchiano, Montefiascone, Tarquinia, Vetralla, Civita Castellana e altri luoghi del Viterbese ogni giorno sono preda di razzie”.

Il movimento ci tiene a precisare che non ci saranno bandiere politiche, però sarà apprezzata la presenza dei politici che tengono alla sicurezza dei loro concittadni.

“Chiediamo a tutti di essere uniti per il bene del futuro del territorio e dei nostri figli. Chiediamo a tutti per una volta di pensare che non siete/siamo tutti sindaci o tutti capi.. Ma solo cittadini che vogliono essere tutelati”.

I recenti fatti di cronaca, come i continui colpi messi a segno dai ladri nelle case di Vitorchiano così come accoltellamenti nel centro del capoluogo e l’assurdo episodio del ragazzo che ha sparato al lunotto posteriore di un’auto “rivale”, stanno minando la percezione di sicurezza delle persone.

“Viterbo ormai ha quartieri che non si possono più frequentare – scrivono da Viterbo Civica -. La gente comincia ad avere timore a uscire da casa. Molte donne lamentano che, rispetto a pochi anni fa, hanno paura a camminare da sole di sera. Di notte il centro storico è in preda a balordi. Che cosa è successo alla nostra città?”.

Sabato chiederanno al prefetto di Viterbo di incontrare una piccola delegazione per ascoltare le richieste delle persone e avere rassicurazioni. “Vogliamo più forze di polizia. Vogliamo che abbiano i mezzi per difenderci. Vogliamo più sicurezza. Vogliamo che si controllino gli affitti in nero. Vogliamo che la gente normale si riprenda la città”, è il messaggio lanciato.

Decarta racconta la Tuscia