Viva Viterbo contro il resto del mondo? Non è vero. Parla Barelli

Viva Viterbo contro il resto del mondo? Non è vero. Parla Barelli

Viva Viterbo contro il resto della mondo? Non è vero. Almeno stando alle parole dell’assessore Barelli. Stando ai rumors, ai retroscena e ai colloqui, privati, con altri uomini dell’alleanza Michelini invece la lite sarebbe stata furibonda.

ADimensione Font+- Stampa

Viva Viterbo contro il resto della mondo? Non è vero. Almeno stando alle parole dell’assessore Barelli. Stando ai rumors, ai retroscena e ai colloqui, privati, con altri uomini dell’alleanza Michelini invece la lite sarebbe stata furibonda. Questa mattina dalle pagine de Il Messaggero dalle quali qualche giorno fa è stata accesa la miccia da una intervista a Filippo Rossi che criticava l’operato dell’assessore Alvaro Ricci, Giacomo Barelli ha puntualizzato la sua posizione, tenendo i piedi dentro alla maggioranza, ma non rinunciando a punzecchiarla.

 

Ha dichiarato che Viterbo “è una città in emergenza”, in che senso?

“Diciamo che è un modo di dire. Ci sono tante emergenze in città. Tante cose su cui bisogna intervenire. Questo è il senso. Sono emergenze nel senso letterale del termine: ci sono tante cose che vanno affrontate. Questo voglio dire”.

 

Quali sono i principali problemi?

“Sono tanti e li conosciamo. Non ci sono cose più urgenti di altre. Il sindaco Michelini li conosce tutti, voi lo sapete quali sono i problemi principali della città. Dobbiamo essere bravi a trovare le soluzioni giuste e cominciare a farlo. I cittadini aspettano delle risposte. Alcune sono arrivate, altre stanno per arrivare. Noi (Viva Viterbo, ndr) cerchiamo di stimolare per far arrivare sempre più risposte ai cittadini”.

 

Quali sono le risposte che stanno arrivando?

“Le aveva dette il sindaco qualche giorno fa. Ad esempio la riapertura del Museo Civico, la prossima riapertura del Teatro dell’Unione, la possibilità della riapertura di Schenardi. Tre cose simboliche e di impatto. Ci sono anche altre cose e spero si concretizzino. Dalla riqualificazione dei portici di piazza del Comune allo spostamento degli uffici in centro. Il problema è farle e portarle avanti”.

 

Perché il Pd ha preso così male le parole di Rossi?

“Ho parlato con il sindaco Michelini, di questa cosa non so nulla. Io mi relaziono con il sindaco. Tra me Rossi e il sindaco è tutto chiaro e tranquillo”.

 

L’assessore Ricci sta lavorando bene sul centro storico?

“Sta lavorando, ci sono molte criticità che si possono risolvere solamente lavorando tutti insieme”.

 

Rossi aveva detto che Ricci va avanti da solo, sta dicendo questo?

“In generale bisogna confrontarsi e cercare di portare avanti le cose tutti insieme. Comprese quelle del mio assessore. Non dico quello che mi vuoi far dire”.

 

Io domando, poi lei può dire quello che vuole..

“Dico che ci sia la necessità di fare le cose tutti insieme e non mi riferisco solamente a Ricci, ma parlo in generale. Su questo siamo tutti d’accordo, sindaco incluso: dobbiamo ritrovare uno spirito unitario”.