Viva Viterbo al centrodestra: “Primarie per unire il fronte del rinnovamento”

Viva Viterbo al centrodestra: “Primarie per unire il fronte del rinnovamento”

Viva Viterbo si scaglia contro “la morsa dei capibastone” che riguarda il centrosinistra “totalmente distante dai bisogni e dai sentimenti dei cittadini” con le primarie come mere “prove di forza fra ras nazionali e locali”,

ADimensione Font+- Stampa

Viva Viterbo apre all’idea delle primarie, discussa negli ambienti di centrodestra. Non nel centrosinistra dunque, dove il movimento ha militato in questi anni tramite l’alleanza di governo della città insieme al Pd, ma dall’altro lato della barricata, dove si trova ora in opposizione a Leonardo Michelini.

Contro “la morsa dei capibastone” che riguarda il centrosinistra “totalmente distante dai bisogni e dai sentimenti dei cittadini” con le primarie come mere “prove di forza fra ras nazionali e locali”, Viva Viterbo auspica “un importante confronto tra tutte le forze che credono e vogliono un reale cambiamento e soprattutto che non si riconoscono in quella logica correntizia clientelare che da anni ha governato Viterbo e di cui, ne siamo stati purtroppo i primi testimoni, l’amministrazione Michelini è stata un perfetto esempio, stritolata dalle lotte di potere tra i capi corrente Pd che hanno di fatto trasformato il Comune nel loro campo di battaglia privato, magari per un personale interesse a “poltrone parlamentari”, facendone pagare  le spese a tutti i viterbesi”.

Il portavoce del movimento fondato da Filippo Rossi, Giacomo Barelli, poi aggiunge. “Qualora lo strumento delle elezioni primarie per la scelta del candidato Sindaco fosse l’unica soluzione per costruire l’unità di un fronte del rinnovamento, perché no anche generazionale, individuata da tutti quei soggetti civici e non che credono, a differenza di Michelini e della sua attuale maggioranza, che un Sindaco possa e debba cambiare in meglio una città – spiega – noi di Viva Viterbo NON ci sottrarremo alla competizione e, anzi, saremo presenti con una nostra chiara e forte proposta politica per Cambiare Viterbo. Ci confronteremo con tutti quelli che lo vorranno per costruire insieme un ‘alleanza di rinnovamento che sconfigga definitivamente i dinosauri politici che da tempo imperversano a Viterbo e che vanno definitivamente consegnati alla preistoria della nostra citta”