Viterbo, si circola a trenta all’ora. Ma la segnaletica è imbarazzante

Viterbo, si circola a trenta all’ora. Ma la segnaletica è imbarazzante

Circolare in città con il limite di trenta chilometri orari perché le strade sono distrutte è imbarazzante. Ma a rendere tutto ancora peggiore ci ha pensato il Comune di Viterbo, con l'introduzione di segnaletica che dispone il limite al di là "del bene e del male".

ADimensione Font+- Stampa

Circolare in città con il limite di trenta chilometri orari perché le strade sono distrutte è imbarazzante. Ma a rendere tutto ancora peggiore ci ha pensato il Comune di Viterbo, con l’introduzione di segnaletica che dispone il limite al di là “del bene e del male”.

Venerdì scorso la firma dell’ordinanza che tratteggia una black list di vie dove varrebbe la pena andare a piedi. Eccola: Vico Squarano, San Maria in Silice, Porta Fiorita, Polidori, Gargana, Cairoli, della Ferrovia, Santa Maria Liberatrice, della Chimica, Villanova, del Pilastro, Sammartinese, strada Santa Barbara, del Campo Scolastico, Ponte del Diavolo e strada Capretta.

Poi ieri sono comparsi i divieti, stampati alla bene e meglio e posizionati sopra a delle transenne. I primi viterbesi che ci si sono imbattuti stentavano a credere ai propri occhi e non hanno esitato a fotografarli e scatenare il pandemonio sui social.