“Viterbo non è un albergo”, ecco il manifesto che fa discutere

“Viterbo non è un albergo”, ecco il manifesto che fa discutere

Un manifesto che usa uno slogan molto semplice “Viterbo non è un albergo” e che esplica la filosofia politica del movimento Viterbo 2020. L'affissione fa discutere

ADimensione Font+- Stampa

È apparso un manifesto 12×3 di Chiara Frontini in via Raniero Capocci. Un manifesto che usa uno slogan molto semplice “Viterbo non è un albergo” e che esplica la filosofia politica del movimento Viterbo 2020. Oltre al titolo, si leggono gli slogan “Prima i viterbesi”, cavallo di battaglia da tempo di Chiara Frontini, poi “Basta immigrazione”, e più in piccolo, “incontrollata” e poi “più servizi ai cittadini”.

Il manifesto, e proprio quest’ultima voce inserita in questo contesto, hanno fatto discutere sui social network molti cittadini viterbesi. In particolare il “più servizi ai cittadini” è discusso in quanto associato alla presenza dell’immigrazione, considerata dunque causa della carenza dei servizi al cittadino.

 

Frontini-manifesto

Banner
Banner
Banner