Viterbo che fu\ 
Annàmo fòr de pòrta Fàulle a magna’ le caccavèlle a quattr’a quattro?


Viterbo che fu\ 
Annàmo fòr de pòrta Fàulle a magna’ le caccavèlle a quattr’a quattro?


Torna "La Voce de Meco de Mescùja" di Gianluca Braconcini, che spiega questa frase. Annàmo (Ce vènghe) fòr de pòrta Fàulle a magna' le caccavèlle a quattr'a quattro?

ADimensione Font+- Stampa

Torna “La Voce de Meco de Mescùja” di Gianluca Braconcini, che spiega questa frase. Annàmo (Ce vènghe) fòr de pòrta Fàulle a magna’ le caccavèlle a quattr’a quattro?

Uno dei blasoni tipici viterbesi che identificava la nostra città. Le “caccavèlle” sono le coccole commestibili della rosa canina, le cui piante un tempo abbondavano tra le “fratte” nei pressi di porta Faul. Per questa abitudine, i viterbesi vengono apostrofati dagli abitanti di altri paesi della provincia col termine “caccavellàre”, “magna caccavèlle” o “quelòro del caccavèllo”. De più no me sdelóngo, ‘n saluto man tutte e stàteme bene.

 

Banner
Banner
Banner