Le notizie da Viterbo e dalla Tuscia

Viterbo che fu\ 
Annàmo fòr de pòrta Fàulle a magna’ le caccavèlle a quattr’a quattro?


Viterbo che fu\ 
Annàmo fòr de pòrta Fàulle a magna’ le caccavèlle a quattr’a quattro?


Torna "La Voce de Meco de Mescùja" di Gianluca Braconcini, che spiega questa frase. Annàmo (Ce vènghe) fòr de pòrta Fàulle a magna' le caccavèlle a quattr'a quattro?

ADimensione Font+- Stampa

Torna “La Voce de Meco de Mescùja” di Gianluca Braconcini, che spiega questa frase. Annàmo (Ce vènghe) fòr de pòrta Fàulle a magna’ le caccavèlle a quattr’a quattro?

Uno dei blasoni tipici viterbesi che identificava la nostra città. Le “caccavèlle” sono le coccole commestibili della rosa canina, le cui piante un tempo abbondavano tra le “fratte” nei pressi di porta Faul. Per questa abitudine, i viterbesi vengono apostrofati dagli abitanti di altri paesi della provincia col termine “caccavellàre”, “magna caccavèlle” o “quelòro del caccavèllo”. De più no me sdelóngo, ‘n saluto man tutte e stàteme bene.

 

Ultimi Commenti

Stefania Maraldi
February 22, 2018 Stefania Maraldi

Belle Immagini! [...]

guarda articolo
Luigi Tozzi
February 22, 2018 Luigi Tozzi

Veramente non si capisce proprio come il buon Dio abbia necessità di dettare un libro [...]

guarda articolo
Elena Buffone
February 21, 2018 Elena Buffone

Tovaglia in foto dell'azienda di design tessile MUSKA (www.muskadecor.com) ⭐ [...]

guarda articolo
Roberto Re
February 19, 2018 Roberto Re

incredibile [...]

guarda articolo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031