Viterbo Capitale della cultura: Margottini coordinatore. Le associazioni rimangono fuori

Viterbo Capitale della cultura: Margottini coordinatore. Le associazioni rimangono fuori

Ecco tutti i nomi di coloro che prepareranno la candidatura di Viterbo a Capitale della cultura. Un Comitato più politico\istituzionale che culturale. Molti i professori universitari, i politici e pochi gli uomini di cultura. Quasi nessun rappresentante delle realtà culturali che hanno in questi anni animato la città.

ADimensione Font+- Stampa

Per Viterbo Capitale della cultura c’è il comitato scientifico: alla sua guida, come coordinatore scientifica, Claudio Margottini ex candidato vicesindaco di Viva Viterbo. Per la candidatura della Città dei Papi l’amministrazione ha deciso nei giorni scorsi di dare mandato al sindaco di formare un Comitato scientifico per predisporre il bando. Un Comitato più politico\istituzionale che di produzione culturale. Molti i professori universitari, molti esponenti politici, pochi uomini di cultura.

Ne faranno parte come presidente Leonardo Michelini, come vicepresidente Nicola Zingaretti e poi il Rettore dell’Unitus Alessandro Ruggeri, la pro Rettrice Anna Maria Fausto, Giuseppe Scarascia Mugnozza, il presidente della Fondazione Carivit Mario Brutti, il presidente della Camera di Commercio Domenico Merlani, la prof. Sofia Varoli Piazza, il prof. Enzo Bentivoglio, il drammaturgo Gian Maria Cervo, il sociologo Francesco Mattioli, il prof. Luciano Osbat, il menestrello Antonello Ricci, il prof. Stefano De Angeli, l’assessore alla cultura Antonio Delli Iaconi. I rappresentanti del Consiglio saranno Filippo Rossi e Giulio Marini, in rappresentanza dei gruppi di minoranza in Comune. Sarà presente anche il dirigente Francesca Vichi e la dott. Simona Poncia quale segretario del Comitato.

Tra gli esclusi eccellenti Paolo Pelliccia, Marco Trulli, Massimo Onofri e Alfonso Antoniozzi. Quasi nessun rappresentante delle realtà culturali che hanno in questi anni animato la città. La minoranza  in Consiglio ha già polemizzato per la nomina di Giulio Marini. “Nessuno ci ha chiesto un parere – hanno detto Chiara Frontini e Gianmaria Santucci – questa è una nomina della maggioranza, non della minoranza”.

La prima scadenza che si troverà a dover affrontare il Comitato è il 31 marzo con, tra le altre cose, una lunga relazione sulla candidatura.

 

 

 

  • Massimo mecarini

    Non si smentiscono mai…