Viterbix, “Cultura? Meglio la coltura. La filosofia della zappa e della vanga”

Viterbix, “Cultura? Meglio la coltura. La filosofia della zappa e della vanga”

Morale della favola nel panorama culturale viterbese non c'è più un piano di condivisione. è saltato tutto o quantomeno non si è riusciti a lavorare per permettere che tutto rimanesse insieme. Viterbix dedica una vignetta allo stato dell'arte, pungente e irriverente come solo la satira sa essere.

ADimensione Font+- Stampa

Con l’anno nuovo ritorna un tema già proiettato sugli schermi viterbesi: Viterbo capitale della cultura. Alla prima proiezione si cercò di conquistare il titolo costruendo un dossier figlio di una serie di tavoli tra coloro che l’amministrazione ritenne capaci di dire qualcosa. Una sorta di club di Soloni di investitura comunale.

Non ottennero grandi risultati e le Cassandre che avevano preannunciato la brutta fine si videro affibbiare lo stigma dei gufi. Evidentemente gufarono bene. Oggi l’amministrazione comunale cerca di invertire lo schema e puntare sulla condivisione di un percorso con le realtà culturali. Però sembra non esserci il giusto clima e diverse realtà culturali, che negli anni si sono sentite messe al margine e un po’ anche prese in giro, hanno tirato fuori il due di picche. Morale della favola nel panorama culturale viterbese non c’è più un piano di condivisione. è saltato tutto o quantomeno non si è riusciti a lavorare per permettere che tutto rimanesse insieme.

Viterbix dedica una vignetta allo stato dell’arte, pungente e irriverente come solo la satira sa essere.

 

viterbix