Caprarola e Palazzo Farnese

Caprarola e Palazzo Farnese

Visitare Palazzo Farnese di Caprarola e i suoi giardini

Palazzo Farnese e Caprarola è una delle prime cose da vedere nel Lazio quando si vuole mettere il naso fuori di casa. Una gita fuori città non può prescindere dalla visita di questo gioiello tardo cinquecentesca che si trova nella provincia di Viterbo legato alla famiglia tra le più importanti del Rinascimento italiano: i Farnese.

Caprarola, famoso per le nocciole, è celebre nel mondo grazie al Palazzo Farnese (conosciuto anche come Villa Farnese), il pentagono della Tuscia. Una delle bellezze più rinomate e visitate della Tuscia, insieme a Civita di Bagnoregio. Il Palazzo, che si erge sulla parte più alta del borgo, venne concepito come fortezza dal cardinale Alessandro Farnese senior (il futuro papa Paolo III), che commissionò il progetto all’architetto Antonio da Sangallo il Giovane, ma i lavori si fermarono perché il cardinale divenne papa Paolo III. Dopo 25 anni ripresero e portarono a compimento questo gioiello, per fortuna! E a riprogettare l’opera non fu una persona qualsiasi, ma Jacopo Barozzi, meglio conosciuto come il Vignola.

Cosa fare dentro a Palazzo Farnese

Il Palazzo ha ben cinque piani e una marea di stanze affrescate, oltre a una incredibile scala elicoidale realizzata insieme a trenta colonne doriche in peperino. Poi c’è il parco, c’è il giardino all’italiana, ci sono le fontane e un bellissimo labirinto. Tra le cose più incredibili c’è la stanza del Mappamondo, chiamata così per gli affreschi di Giovanni Antonio da Varese che occupano tutte le pareti della camera. Gli affreschi raffigurano il mondo allora conosciuto; mentre nel soffitto lo Zodiaco.

Palazzo Farnese Caprarola

I grandi affreschi e il glorioso Mappamondo

All’interno del Palazzo Farnese oltre a Giovanni Antonio da Varese si trovano opere dei fratelli Zuccari, Tempesta, del Bertoja. Tutti narrano i fasti della famiglia che ha commissionato la realizzazione del Palazzo e che ha dato i natali a Paolo III: la famiglia Farnese, non un Papa qualsiasi e si vede Il Palazzo è un omaggio all’operato di Paolo III: tutto l’apparato mitologico alla base delle imprese più importanti a parte dal Concilio di Trento aperto proprio da Paolo III nel 1545.

I Giardini all’italiana

I giardini all’italiana sono un vanto per il Centro Italia insieme al Parco e al boschetto che si trova alle spalle della Villa, che da soli valgono la pena di farvi visitare Palazzo Farnese. Tra fontane, giochi d’acqua e sentieri nel bosco ci avviciniamo alla Palazzina del Piacere. Questa fu abitata da personaggi incredibili: come Carlo d’Inghilterra nel 1995 e Luigi Einaudi tra il 1948 e il 1955).

 

Così bella che fu meta turistica già dagli anni ’20

Palazzo Farnese era così bello che a metà degli anni ’20 fu raggiunta, insieme a Villa Lante a Bagnaia a Viterbo, dalla fotografa Frances Benjamin Johnston, una delle prime donne fotografe e fotogiornaliste della storia. Gli scatti sono conservati presso la Library of Congress di Washington. Ecco una delle incredibili foto, le altre qui.

 

Le nocciole di Caprarola

Caprarola è la Capitale della Nocciola Gentile Romana D.O.P.: una varietà di nocciole coltivata nei Monti Cimini e che viene esportata in tutto il mondo. Non c’è nemmeno bisogno di dirvi di assaggiare i piatti (non solo i dolci!) a base di nocciole che si trovano nelle trattorie che si trovano vicino a Palazzo Farnese.

Una passeggiata al Lago di Vico

Se dopo aver visitato Palazzo Farnese non siete ancora soddisfatti potete avvicinarvi al Lago di Vico. Situato a pochissimi chilometri da Caprarola si trovano le spiagge e i sentieri intorno ad un’altra perla dei Cimini: il Lago vulcanico di Vico. Una passeggiata in queste terre è d’obbligo.

Visitare Palazzo Farnese: gli orari

Visitare Palazzo Farnese di Caprarola: gli orari
Palazzo Farnese è aperto dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 19.30. La biglietteria chiude alle ore 18.45. L’accesso al parco possibile fino dal martedì al Sabato a partire dalle 8.30 fino ad un’ora prima del tramonto, solo se lo permettono le condizioni Meteo.
È chiuso tutti i lunedì, il 1° gennaio e il 25 dicembre, salvo aperture straordinarie previste dal Ministero dei Beni Culturali dal quale Palazzo Farnese dipende.
L’ingresso costa intero €5 e ridotto €2,50. L’ingresso è gratuito la prima domenica del mese.

Come arrivare a Palazzo Farnese di Caprarola

Palazzo Farnese si trova in piazza Farnese, 1. 01032 Caprarola (Vt). Tel. 0761.646052.
Potete accedere alle indicazioni stradali tramite Google Maps.

Storie

Alessandro IV, il papa che “creò” Viterbo e poi venne dimenticato

Alessandro IV, il papa che “creò” Viterbo e poi venne dimenticato

Corpus Domini 1462 – Quando Viterbo divenne la “dimora degli dei”

Corpus Domini 1462 – Quando Viterbo divenne la “dimora degli dei”

Del Piombo, un punto di contatto tra Viterbo e i musei più importanti del mondo

Del Piombo, un punto di contatto tra Viterbo e i musei più importanti del mondo

Prima guerra mondiale, a Palazzo Farnese una donna americana fonda un’impresa

Prima guerra mondiale, a Palazzo Farnese una donna americana fonda un’impresa

Etruschi – 1837, quando i fratelli Campanari fecero conoscere le necropoli al mondo

Etruschi – 1837, quando i fratelli Campanari fecero conoscere le necropoli al mondo

Marzo 1585, i primi giapponesi della storia nella Tuscia. Dalla venerazione del corpo di Santa Rosa alla caccia nel parco di Villa Lante

Marzo 1585, i primi giapponesi della storia nella Tuscia. Dalla venerazione del corpo di Santa Rosa alla caccia nel parco di Villa Lante

Quando a Caprarola il presidente Einaudi fece nascere il governo Pella, senza passare dalle consultazioni

Quando a Caprarola il presidente Einaudi fece nascere il governo Pella, senza passare dalle consultazioni

Chi è Chiara Bordi, la 17enne testimonial di “SuperAbile”

Chi è Chiara Bordi, la 17enne testimonial di “SuperAbile”

Augias su Rai3 racconta la storia di Fabio Stassi, lo scrittore pendolare “più vecchio di Ulisse”

Augias su Rai3 racconta la storia di Fabio Stassi, lo scrittore pendolare “più vecchio di Ulisse”

“Tra un anno e mezzo porteremo alla luce le spoglie di papa Alessandro IV”

“Tra un anno e mezzo porteremo alla luce le spoglie di papa Alessandro IV”

Ecco la storia della “Campana di Canino”, la più antica della Cristianità secondo l’Archivio Segreto Vaticano

Ecco la storia della “Campana di Canino”, la più antica della Cristianità secondo l’Archivio Segreto Vaticano

Bisenzio, l’antica città del lago di Bolsena oggi fantasma. Aveva una popolazione di 60mila persone

Bisenzio, l’antica città del lago di Bolsena oggi fantasma. Aveva una popolazione di 60mila persone

Ecco come iniziò l’era Michelini. Guarda ‘Unelection day’, il documentario che lo racconta

Ecco come iniziò l’era Michelini. Guarda ‘Unelection day’, il documentario che lo racconta

Quell’Etruria che piaceva tanto ai grandi pittori d’Europa

Quell’Etruria che piaceva tanto ai grandi pittori d’Europa

L’Isola Bisentina e la leggenda del passaggio per il regno sotterraneo di Agarthi

L’Isola Bisentina e la leggenda del passaggio per il regno sotterraneo di Agarthi

C’è un drago nel lago di Bolsena e si chiama Volta

C’è un drago nel lago di Bolsena e si chiama Volta

Il fuggitivo, ovvero quando il militare Penny scappò dal campo 68 di Vetralla

Il fuggitivo, ovvero quando il militare Penny scappò dal campo 68 di Vetralla

Viterbo-Auschwitz solo andata. Storia di una famiglia deportata tra coraggio e viltà

Viterbo-Auschwitz solo andata. Storia di una famiglia deportata tra coraggio e viltà

Publio Muratore, il viterbese sopravvissuto all’orrore dei campi di concentramento

Publio Muratore, il viterbese sopravvissuto all’orrore dei campi di concentramento

Seconda guerra mondiale, ecco la storia del “lancio su Vallebona”

Seconda guerra mondiale, ecco la storia del “lancio su Vallebona”

Mario Viola, il pilota viterbese che perse la vita nella “sfida agli spazi atlantici”

Mario Viola, il pilota viterbese che perse la vita nella “sfida agli spazi atlantici”

1890, l’anno dell’esorcismo di Onano

1890, l’anno dell’esorcismo di Onano

I reperti archeologici nascosti di Vasanello

I reperti archeologici nascosti di Vasanello

Del Piombo, un punto di contatto tra Viterbo e i musei più importanti del mondo

Del Piombo, un punto di contatto tra Viterbo e i musei più importanti del mondo

L’archeologia subacquea nacque a Bolsena. La storia del villaggio villanoviano del Gran Carro

L’archeologia subacquea nacque a Bolsena. La storia del villaggio villanoviano del Gran Carro

Decarta racconta la Tuscia