Villa Rosa a San Pellegrino in Fiore 2018, allestito uno spazio colorato a piazza Scacciaricci

Villa Rosa a San Pellegrino in Fiore 2018, allestito uno spazio colorato a piazza Scacciaricci

Villa Rosa a San Pellegrino in Fiore. L'edizione 2018 della prestigiosa manifestazione viterbese avrà un'interessante novità: la presenza di un gruppo di cinquanta persone tra operatori, medici e pazienti che si daranno il cambio in piazza Scacciaricci da sabato 28 aprile a martedì primo maggio.

ADimensione Font+- Stampa

Villa Rosa a San Pellegrino in Fiore. L’edizione 2018 della prestigiosa manifestazione viterbese avrà un’interessante novità: la presenza di un gruppo di cinquanta persone tra operatori, medici e pazienti che si daranno il cambio in piazza Scacciaricci da sabato 28 aprile a martedì primo maggio.

E’ infatti questo il luogo assegnato dagli storici organizzatori dell’evento per rendere possibile a Villa Rosa di raccontare il prezioso lavoro di recupero svolto ogni giorno con i pazienti psichici. Per le migliaia di visitatori e viterbesi che si troveranno, nelle prossime ore, a passeggiare attraverso il quartiere medioevale viterbese, un angolo di bellezza in più capace di trasmettere un messaggio forte.

I fiori di Villa Rosa, che sarà possibile portare a casa con un’offerta, saranno “serviti” all’interno di barattoli riciclati. Mentre saranno a disposizione anche piante grasse, all’interno di suggestive composizioni di cocci rotti. A realizzare i supporti e tutto quello che sarà in mostra i pazienti di Villa Rosa, all’interno di un’attività che li ha interessati e occupati per oltre un mese.

Villa Rosa per San Pellegrino in Fiore 2018 vuole comunicare questo concetto: “i barattoli rotti e i cocci rotti possono raccontare anche storie diverse. Da quelle fratture possono essere individuate aperture da cui far rinascere la vita. “Gli ospiti delle nostre strutture – spiega il responsabile di Psichiatria di Villa Rosa, dottor Vittorio Di Giacomantonio – sono inseriti in vari percorsi riabilitativi cognitivo-esperienziali per la gestione delle emozioni e il riapprendimento di abilità personali e sociali, volti all’inclusione, e colgono l’occasione di questa manifestazione per dare un sentito messaggio: i colori di questi nostri prodotti rappresentano le emozioni che tutti gli esseri umani provano, e da ognuna di esse, opportunamente contenuta e compresa, può nascere un fiore, un’esperienza utile alla vita”.

All’interno di Villa Rosa sono attivi diversi percorsi riabilitativi: l’ortoterapia, il laboratorio di pasticceria, l’atelier dell’arte, il problem solving, la lettura di quotidiani, i pomeriggi al cinema. Il messaggio è chiaro: “Non tutto ciò che sembra rotto è in realtà da buttare!”.

Decarta racconta la Tuscia