Viaggio nelle associazioni viterbesi- ViterboCleanup, un gruppo di amici per rendere pulita una città

Viaggio nelle associazioni viterbesi- ViterboCleanup, un gruppo di amici per rendere pulita una città

Fabrizio, Irene, Gabriele P. e Gabriele M. sono i nomi di quattro ragazzi che hanno deciso di scendere in campo per ripulire, dai rifiuti e dall’indifferenza, Viterbo. Quattro amici, un forte amore per la città dove sono cresciuti, la stessa voglia di dare uno scossone a chi ha scelto solo di lamentarsi senza fare in prima persona. Molto attivi sui social, i ragazzi di ViterboCleanUp, pur non essendo una vera e propria associazione, lavorano con gli stessi obiettivi e la stessa volontà. Li abbiamo incontrati:

ADimensione Font+- Stampa

Fabrizio, Irene, Gabriele P. e Gabriele M. sono i nomi di quattro ragazzi che hanno deciso di scendere in campo per ripulire, dai rifiuti e dall’indifferenza, Viterbo. Quattro amici, un forte amore per la città dove sono cresciuti, la stessa voglia di dare uno scossone a chi ha scelto solo di lamentarsi senza fare in prima persona. Molto attivi sui social, i ragazzi di ViterboCleanUp, pur non essendo una vera e propria associazione, lavorano con gli stessi obiettivi e la stessa volontà. Li abbiamo incontrati:

Come è formato il vostro gruppo? Come è nato? Da chi è composto?

“Il nostro gruppo è nato il 14 settembre 2014, si tratta di un gruppo di amici, non siamo un’associazione. E’ un gruppo che possiede un amore viscerale verso questa splendida città e cerca di far risaltare ogni singolo dettaglio valorizzandolo nel miglior modo possibile.”

Qual è stato il motivo scatenante per iniziare la vostra attività?

“L’idea nasce dalla voglia di contrastare il degrado e far avvicinare i cittadini alla vita civica, senza fare nessun tipo di polemica, vivendo solo d’azione.”

Di cosa vi occupate?

“Ci occupiamo della raccolta dei rifiuti, della rimozione di graffiti che rovinano l’impatto visivo della nostra città e del taglio dell’erba in quei luoghi dove ci sembra eccessiva la crescita.”

Come è la situazione nella nostra città?

“La situazione in città è di grande indifferenza verso il bene comune. Spesso leggiamo mille polemiche, ma le polemiche rimangono tali e per questo cerchiamo di invogliare i cittadini all’azione.”

Quali sono stai i vostri interventi più importanti?

“Gli interventi più importanti sono stati fatti nel quartiere medievale, nella zona  delle Fortezze, Corso Italia e vie limitrofe.”

Operate anche in provincia o solo a Viterbo?

“Ci occupiamo fondamentale di Viterbo e della zona di montagna.”

Avete avuto una mano dalle istituzioni nella vostra attività?

“Non abbiamo avuto nessuna mano dalle istituzioni, tutto viene fatto in autofinanziamento. Durante gli eventi è possibile fare delle offerte libere, grazie alle quali è possibile acquistare tutto il materiale, dai sacchi per i rifiuti, alla pittura e pennelli.”

Come reagiscono i cittadini?

“Purtroppo c’è ancora molta indifferenza dal punto di vista del fare in prima persona, nonostante piovano complimenti ad ogni evento, ma a noi va bene operare anche in 4/5. Anche se in pochi, l’importante è avere molta voglia.

Di cosa credete ci sia bisogno per sensibilizzare i cittadini ad avere più rispetto della città?

“Per sensibilizzare i cittadini, servirebbero sanzioni severe e una maggiore informazione.”

 

Collaborate con qualche altro gruppo o associazione?

“Collaboriamo con tutti, puntando sempre al bene della nostra città, ma alla fine ragioniamo sempre e solo con la nostra testa.”

Cosa significa far parte di un gruppo come il vostro?

“Far parte del nostro gruppo significa amare la città e il territorio dove si vive, indipendentemente dalla fazione politica e preferendo l’azione alle polemiche”

 

 

Decarta racconta la Tuscia