Viaggio nella povertà a Viterbo – 713 persone: 253 italiani e 460 stranieri; hanno bussato nel 2017 al centro di ascolto Caritas

Viaggio nella povertà a Viterbo – 713 persone: 253 italiani e 460 stranieri; hanno bussato nel 2017 al centro di ascolto Caritas

Continua il nostro viaggio tra i numeri della povertà a Viterbo. Operativa sul campo l'associazione di volontariato Caritas Emmaus. Cuore di tutto il sistema di sostegno, aiuto e incoraggiamento il centro di ascolto di piazza Dante 2.

ADimensione Font+- Stampa

Continua il nostro viaggio tra i numeri della povertà a Viterbo. Operativa sul campo l’associazione di volontariato Caritas Emmaus. Cuore di tutto il sistema di sostegno, aiuto e incoraggiamento il centro di ascolto di piazza Dante 2.

La fotografia scattata dai dati ci dice che nel 2017 il centro di ascolto diocesano ha accolto 713 persone: 398 uomini e 315 donne, 253 italiani e 460 stranieri. Ben 271 nuclei familiari hanno bussato alla porta di piazza Dante. “Non esistono dati precisi sulla situazione nel resto della Tuscia – precisa il coordinatore Luca Zoncheddu -. Gli unici registrati sono questi di Viterbo ma le difficoltà sono ovunque e spesso le prime risposte arrivano dalle parrocchie di riferimento”.

L’associazione Emmaus è stata fondata nel 2001 e opera su tutto il territorio della Diocesi di Viterbo. Ha il compito di gestire il centro di ascolto e i servizi a esso collegati. L’associazione si rivolge a tutte le situazioni di bisogno: povertà economica, disoccupazione, disagio relazionale.

“La filosofia – ci spiega Luca Zoncheddu – è di accogliere e capire la persona che abbiamo davanti. Stabilire un rapporto di fiducia e quindi intervenire in base alle specificità del caso nella maniera più idonea”.