Viaggio nella povertà a Viterbo – 3.761 pernottamenti al centro per senzatetto La Tenda nel 2017

Viaggio nella povertà a Viterbo – 3.761 pernottamenti al centro per senzatetto La Tenda nel 2017

3.761 sono i pernottamenti garantiti nel 2017 dal centro per senzatetto La Tenda di Viterbo. Una struttura gestita e messa al servizio dalla locale sezione Caritas. 213 le persone che sono state ospitate. 136 gli stranieri e 77 gli italiani. Perché la povertà non fa distinzioni e i casi della vita possono mettere in difficoltà anche persone comuni.

ADimensione Font+- Stampa

3.761 sono i pernottamenti garantiti nel 2017 dal centro per senzatetto La Tenda di Viterbo. Una struttura gestita e messa al servizio dalla locale sezione Caritas. 213 le persone che sono state ospitate. 136 gli stranieri e 77 gli italiani. Perché la povertà non fa distinzioni e i casi della vita possono mettere in difficoltà anche persone comuni.

“La situazione è complicata, gli effetti della crisi si fanno sentire. Pesano sulla popolazione anche nel capoluogo della Tuscia. Una povertà che ha tanti volti – ci spiega il coordinatore della Caritas di Viterbo Luca Zoncheddu -. C’è una povertà di chi non riesce più ad avere un tetto, la povertà dei padri separati che non arrivano a fine mese nonostante un lavoro, una povertà data dall’assenza di occupazione, dalla perdita di questa anche a cinquant’anni suonati. Poi c’è una povertà subdola, quella educativa. Riguarda giovani e giovanissimi completamente allo sbando. Non studiano, non lavorano, non hanno una formazione e non la cercano. Come Caritas cerchiamo di dare risposte alle persone, di incontrarle, di stabilire un rapporto con loro”.

Ci raccontano storie incredibili. Anche di volontari della Caritas che si sono trovati davanti ex compagni di scuola. La Tenda, situata sopra la mensa Caritas di Porta San Leonardo, rappresenta un punto di riferimento importante per evitare che le persone dormano per strada. Vi si accede sempre dopo colloquio nel centro di ascolto di piazza Dante 2, sempre a Viterbo.