Vetralla nel bando della Regione Lazio ‘Arte sui Cimini’

Vetralla nel bando della Regione Lazio ‘Arte sui Cimini’

Lungo la Via Francigena, millenario itinerario storico-religioso, ritroviamo Vetralla, con il suo Complesso Monumentale di S. Maria in Forum Cassii, crocevia lungo il cammino, ma anche luogo di sosta ed accoglienza del pellegrino. 

ADimensione Font+- Stampa

Lungo la Via Francigena, millenario itinerario storico-religioso, ritroviamo Vetralla, con il suo Complesso Monumentale di S. Maria in Forum Cassii, crocevia lungo il cammino, ma anche luogo di sosta ed accoglienza del pellegrino. 

Nelle immediate vicinanze è situato il Fontanile di Fossato Callo con le sue naturali acque sorgive. E’ un suggestivo complesso di vasche alimentate da una sorgente che sgorga dalla rupe tufacea, costruite in muratura con blocchi di peperino e di tufo. Alcune di esse furono usate come abbeveratoi per gli animali, mentre una vasca, fornita di una sponda con piano inclinato verso l’interno, fu utilizzata per il lavaggio degli indumenti e nello specifico della canapa.

L’intervento delineato nel bando, prevede: una prima parziale asportazione di terreno misto a vegetazione, con l’intento di riportare alla luce i lastroni in peperino collocati vicino alla sorgente, di re-incanalare la sorgente, in modo da evitare che l’acqua straripi ancora, inondando le aree circostanti. Una parte andrà lasciata a prato naturale
e tenuta pulita e libera da vegetazione infestante. La zona sorgiva, in cui è presente una depressione naturale, verrà caratterizzata da un laghetto semi-artificiale. Gli interventi di sistemazione del fontanile prevedono, la pulizia dalle erbe infestanti, la ricucitura delle opere murarie precarie o ormai quasi completamente divelte, al fine di rendere fruibile la Fontana ai pellegrini.

Punti chiave del progetto:
-utilizzo di materiale riciclabile, durevole e non deperibile, che possa garantire la
durata nel tempo della produzione artistica;
-Il Cammino lungo la Via Francigena, diventerà un percorso storico-religioso e
naturalistico, ma anche percorso d’arte contemporanea;
-Sarà  promossa una adeguata visibilità ed accessibilità lungo il Cammino della Via
Francigena, attraverso apposizione di specifica e dettagliata cartellonistica;
-Verrà garantita la conservazione in sicurezza e soprattutto la fruibilità pubblica a
titolo gratuito dell’area.

Decarta racconta la Tuscia