Obbligo vaccini: come fare l’autocertificazione per l’ammissione a scuola

Obbligo vaccini: come fare l’autocertificazione per l’ammissione a scuola

Anche nel Lazio e a Viterbo i genitori dei bambini prossimi a frequentare le scuole devono aver fatto le 10 vaccinazioni obbligatorie per l’infanzia e l’adolescenza.

ADimensione Font+- Stampa

La Regione Lazio spiega come fare l’autocertificazione per i vaccini. Anche nel Lazio e a Viterbo i genitori dei bambini prossimi a frequentare le scuole devono aver fatto le 10 vaccinazioni obbligatorie per l’infanzia e l’adolescenza. La Regione mette a disposizione i moduli per le dichiarazioni.

Per comunicare alle istituzioni di essere in regola, o di star procedendo verso la regolarizzazione della posizione dei propri figli i genitori potranno infatti avvalersi di alcune dichiarazioni precompilate che si trovano sul sito della Regione Lazio. Per rendere il processo meno complicato la Regione e l’Ufficio Scolastico Regionale hanno firmato un protocollo d’intesa.

La vaccinazione da fare, obbligatoria gratuita fino ai 16 anni, quella anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse e anti-haemophilus influenzae tipo B. Queste vaccinazioni sono obbligatorie in via permanente. Ci sono poi i 4 vaccini obbligatori sino a diversa comunicazione: quelli contro il morbillo, la rosolia, la parotite e la varicella.

Queste vaccinazioni, che si possono completare con due punture, costituiscono un requisito per l’ammissione all’asilo nido e alle scuole dell’infanzia. Tra i 6 e 16 anni i genitori dei bambini che non avranno il vaccino può portare a sanzioni pecuniarie.

I moduli per le autocertificazioni dei vaccini. Le dichiarazioni valgono anche per le provincie di Roma, Rieti, Frosinone e Latina.