Unitus, le novità su corsi e servizi agli studenti: dal Festival della Scienza alla sinergia con Boscolo

Unitus, le novità su corsi e servizi agli studenti: dal Festival della Scienza alla sinergia con Boscolo

Ogni dipartimento presenterà la nuova offerta formativa il 12 settembre con una giornata dedicata all’Openday di Ateneo che si terrà nella sede del rettorato di Santa Maria in Gradi e nei giorni 13/14 settembre presso ogni singolo polo didattico dove docenti e studenti potranno confrontarsi sulla nuova offerta formativa e sui nuovi progetti che l’Ateneo viterbese ha in serbo per l’anno accademico che sta per iniziare.

ADimensione Font+- Stampa

L’Università degli Studi della Tuscia inaugura il nuovo anno accademico 2017/2018 con grandi novità che riguardano i corsi di laurea, che diventano sempre più completi e più professionalizzanti, e con tanti servizi nuovi per gli studenti.

Ogni dipartimento presenterà la nuova offerta formativa il 12 settembre con una giornata dedicata all’Openday di Ateneo che si terrà nella sede del rettorato di Santa Maria in Gradi e nei giorni 13/14 settembre presso ogni singolo polo didattico dove docenti e studenti potranno confrontarsi sulla nuova offerta formativa e sui nuovi progetti che l’Ateneo viterbese ha in serbo per l’anno accademico che sta per iniziare.

Durante la conferenza stampa indetta dal professor Alessandro Ruggeri, Rettore dell’Ateneo viterbese, tenutasi presso la sede del rettorato, si è posta l’attenzione soprattutto su due eventi molto importanti per l’Unitus: dal 24 settembre al primo ottobre presso l’Auditorium e nella sala Regia del Comune di Viterbo, si terrà il primo Festival della Scienza che porterà a Viterbo illustri nomi del mondo scientifico che interverranno in una lunga serie di incontri che culminerà, il 29 settembre, nella Notte Europea dei Ricercatori dove studenti, ricercatori e cittadini potranno confrontarsi su argomenti scientifici di vario genere e metter sempre più in contatto il mondo accademico con la cittadinanza.

La seconda grande novità della nuova offerta formativa è la nascita di un nuovo corso di laurea firmato Dibaf basato sull’enogastronomia che vedrà una attiva e forte collaborazione con la Scuola Boscolo Etoile Accademy di Tuscania. Gli studenti iscritti al nuovo corso potranno alternare le canoniche lezioni universitarie con lunghi periodi di laboratorio proprio nelle cucine della rinomata scuola riconosciuta a livello internazionale dove impareranno il rispetto per i piatti della tradizione e soprattutto l’importanza del Made in Italy tra i fornelli.

“Il mondo vuole mangiare italiano e venera la cucina del nostro paese” queste le parole del fondatore della famosa scuola di cucina Rossano Boscolo che punta l’accento su quanto conoscere le materie prime e le basi scientifiche di ciò che prepariamo e mettiamo in tavola sia importante per i futuri chef. La convenzione con l’Unitus parte proprio da questa convinzione: preparare nuovi futuri cuochi che sappiano conoscere a fondo il mondo in cui lavoreranno.

Secondo i dati statistici di Almalaurea, l’80% degli studenti iscritti ai corsi di Laurea nell’Ateneo viterbese provengono da fuori città e proprio per questo motivo, saranno potenziati i servizi di trasporto soprattutto per la tratta Roma/Viterbo che, grazie all’aiuto e alla partecipazione di aziende di trasporto privato, permetterà agli studenti di arrivare all’Università con più facilità, in minor tempo e con un biglietto a costo molto contenuto.
L’Università degli Studi della Tuscia si posiziona decima nella classifica delle Università italiane come soddisfazione e gradimento degli studenti per servizi e vivibilità e soprattutto come rapporto tra studente e docente e apre le sue porte, sempre di più, alle aziende del territorio e a un alto grado di professionalizzazione per un mondo del lavoro che ci vuole sempre più preparati e pronti al cambiamento.

Nastro tagliato per il nuovo anno accademico quindi e via alle iscrizioni per poter diventare ciò che veramente si vuole essere.