Unione del centrodestra, Frontini: “Possibile con le primarie”

Unione del centrodestra, Frontini: “Possibile con le primarie”

Prove tecniche di riunificazione del centrodestra locale, Frontini: “Lo strumento è quello delle primarie”. Viterbo2020 si rinnova e chiama ad appello i cittadini. Nelle prossime settimane una serie di iniziative. Ne abbiamo parlato con il consigliere Chiara Frontini.

ADimensione Font+- Stampa

Prove tecniche di riunificazione del centrodestra locale, Frontini: “Lo strumento è quello delle primarie”. Viterbo2020 si rinnova e chiama ad appello i cittadini. Nelle prossime settimane una serie di iniziative. Ne abbiamo parlato con il consigliere Chiara Frontini.

Ricomposizione del centrodestra, chimera o impresa possibile?

“Possibile se si vuole innovare e cambiare registro. Crediamo nelle primarie come strumento per ricomporre un quadro piuttosto scomposto. Le primarie sono l’unico strumento per confrontarci con il nostro elettorato e per ricostruire un movimento di popolo. Inoltre rappresentano anche un metodo importante di selezione della futura classe dirigente. Mi auguro che tutte le forze del centrodestra o buona parte di queste condivida”.

Cosa pensi dell’amministrazione Michelini?

“L’attuale maggioranza non ha mai goduto di buona salute, il loro è un balletto lento e molto faticoso”.

Cosa farete come movimento civico?

“Siamo pronti a raccogliere idee e ad accogliere chi è pronto a dare una mano. In questi quattro anni non ci siamo mai fermati. E’ stato un continuo di attività e proposte dentro e fuori il consiglio comunale. Abbiamo portato avanti un’attività costante e continua e credo che questo pagherà anche in termini di consensi. Siamo un’alternativa credibile a tutta una serie di situazioni”.

Banner
Banner
Banner