Una parata in grande stile per inaugurare la 30esima San Pellegrino in Fiore

Una parata in grande stile per inaugurare la 30esima San Pellegrino in Fiore

Il vescovo Fumagalli: "Stupendo camminare per il centro storico e vederlo pulito e pieno di fiori"

ADimensione Font+- Stampa

San Pellegrino in Fiore apre la sua 30esima edizione con i colori e il folclore della tradizione viterbese. Un inizio in grande stile, al quale ha preso parte anche l’amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Michelini e la vice Ciambella, oltre che la Diocesi con la presenza del vescovo Fumagalli.

L’adunata è iniziata alle 10.30, quando i gruppi folcloristici di Viterbo si sono incontrati in piazza Verdi per aprire la sfilata fino a piazza del Plebiscito. Lì hanno incontrato le autorità della città e hanno eseguito lo spettacolo in tema “La Primavera”, eseguiti dai musici e dagli sbandieratori del Centro Storico e del Pilastro. al termine il banditore ha annunciato l’inizio dell’evento.

Il vescovo Fumagalli non ha potuto che notare come Viterbo piena di fiori sia una città nuova. “È davvero bello girare per il centro storico e vederlo pulito e pieno di fiori”. Poi lancia la proposta: “Mi auguro che i vari vivaisti presenti adottino una piazza o una strada ed educhino i cittadini a mantenere curata e in ordine quel pezzetto di città. Un biglietto da visita importante per pellegrini e turisti”.

Anche il sindaco Michelini elogia la manifestazione numero 30. “Un’edizione importante, che riempie ancora una volta Viterbo di fiori. Quest’anno tantissimi espositori e turisti troveranno una vera festa a Viterbo”.

Dopo le dichiarazioni la parata riparte in direzione di San Pellegrino, cuore pulsante dell’evento primaverile, anche se quest’anno ci sono molte novità, tra tutte la presenza di fiori e piante anche in piazza delle Erbe, che finora era stata lasciata inutilizzata dalla manifestazione. Con la cerimonia d’apertura si da quindi il via alla 30esima edizione dell’evento floreale viterbese, all’insegna di colori, profumi e artigianato locale.

Decarta racconta la Tuscia